Josè Palomino positivo al doping, difensore dell'Atalanta sospeso in via cautelare

Il 32enne argentino ha fallito un controllo a sorpresa: la sostanza proibita è il Clostebol

José Luis Paolomino
José Luis Paolomino

Doccia fredda, anzi gelata, per l’Atalanta. Il 32enne difensore argentino Jose’ Luis Palomino è stato sospeso in via cautelare dal Tribunale Nazionale Antidoping per non aver superato un controllo risultando positivo al Clostebol Metabolita (uno steroide anabolizzante derivato dal testosterone), sostanza proibita. ‘Il Tribunale Nazionale Antidoping, in accoglimento dell’istanza proposta  dalla Procura Nazionale Antidoping, ha provveduto a sospendere in via cautelare l’atleta Jose' Luis Palomino (FIGC) per violazione degli artt. 2.1 e 2.2. Il controllo è stato disposto da NADO Italia’, si legge nell’ informativa della Nado. 

Le prossime mosse dell'Atalanta

Naturalmente adesso il giocatore, e il club potranno richiedere delle controanalisi, ma intanto l’argentino resterà sospeso precauzionalmente. Paradossalmente nelle ultime ore il nome di Palomino era rimbalzato con insistenza nelle voci di mercato: era entrato nel mirino del Napoli e di altri club come la Lazio, oltre che dei francesi del Rennes. Il difensore centrale tucumano, classe 1990, è arrivato all’Atalanta nell’estate 2017 dopo un triennio in Francia al Metz è una stagione in Bulgaria al Ludogorets: soprannominato dai tifosi El General ha disputato con la Dea, finora, 203 partite segnando 8 gol e ha da poco rinnovato il contratto con i bergamaschi fino al 2025, con l’idea di chiudere la carriera in maglia atalantina.