Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
13 lug 2022
13 lug 2022

Ibuprofene introvabile. La corsa di Omicron fa sparire l'antinfiammatorio dalle farmacie

Con il boom di contagi Covid diventa sempre più difficile reperire il medicinale. La Fofi: "I farmacisti possono tamponare la mancanza allestendo loro stessi il preparato"

13 lug 2022

Milano, 13 luglio 2022 - "Alla ricerca del Santo Graal... Qualcuno sa indicarmi una farmacia dove poter comprare il Nurofen sciroppo per bambini? Sembra essere praticamente introvabile". A chiederlo, in un nutrito gruppo di genitori su Facebook, è una mamma alla ricerca del medicinale per il proprio figlio. Una difficoltà che, stando alle risposte ricevute, sembra essere piuttosto diffusa. "Il problema non riguarda soltanto Roma, ma a macchia di leopardo tutta l'Italia. In questo momento, infatti, il farmaco non è reperibile presso l'azienda", spiega Andrea Mandelli, presidente della Federazione Ordini Farmacisti Italiani (Fofi).

L'ibuprofene, di cui il Nurofen è una delle versioni commerciali, è uno degli antidolorifici e antinfiammatori che vengono più comunemente indicati in caso di dolori muscolari, febbre, mal di testa, ossia i sintomi più lievi della variante Omicron del Covid. In questo momento, con l'impennata dei contagi, probabilmente c'è stata anche un'esplosione delle richieste di medicinale a cui non si riesce a far fronte.

Una situazione che ricorda il caso dello Zitromax, scomparso dalle farmacie a gennaio. A inizio anno, con il boom di infezioni causato da Omicron, c'era stata una sorta di corsa all'acquisto dell'antibiotico, oltretutto considerato dagli esperti non adatto per curare i sintomi del Covid.

Per quanto riguarda l'ibuprofene, "è una carenza che ovviamente crea disagio ai pazienti ma non c'è nessun allarme - precisa Mandelli - perché fortunatamente i farmacisti possono tamponare questa mancanza allestendo loro stessi il preparato dietro presentazione della ricetta medica". "Come già successo in questi due anni e mezzo, i farmacisti possono sopperire alle mancanze dimostrandosi ancora una volta elemento fondamentale per costruire la prossimità delle cure, prossimità che è un'esigenza del Paese. Il farmacista è l'amico del paziente", rassicura Mandelli.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?