Un anno e mezzo fa il furto. L’opera del Settecento ritrovata lungo una strada

Calvagese, il dipinto è stato riconsegnato al parroco .

Un anno e mezzo fa il furto. L’opera del Settecento  ritrovata lungo una strada
Un anno e mezzo fa il furto. L’opera del Settecento ritrovata lungo una strada

L’accorato appello lanciato all’indomani del furto dal parroco, don Aurelio Cirelli, che aveva invitato i ladri a redimersi restituendo il quadro è stato ascoltato: ‘L’Immacolata Concezione’ di Giovanni Antonio Zaddei, sparita la notte tra il 19 e 20 agosto 2022 dalla chiesetta San Filippo Neri di Terzago, parrocchia di Calvagese della Riviera, è ricomparsa. Il capolavoro del Settecento è stato infatti rinvenuto nelle scorse ore dai carabinieri della compagnia di Salò nelle campagne di Muscoline, sul Garda, ai margini di una strada sterrata. Il dipinto è in buone condizioni ed è già stato restituito al parroco. Come a distanza di un anno e mezzo l’opera sia arrivata fin lì, dove è stata custodita in questi mesi e da parte di chi, sono domande ancora inevase, a cui cercheranno di dare risposte gli investigatori supportati da colleghi specializzati del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Monza.

Dipinto nel 1770 dal pittore nato a Padenghe, il quadro in questione - un olio su tela da 195 per 110 centimetri - da lungo tempo dimorava sulle pareti nella minuscola chiesa incuneata tra le case, finché quel giorno d’estate sparì. L’ipotesi è che i ladri si fossero nascosti in chiesa oltre l’orario di chiusura e avessero agito di notte, sfruttando l’assenza di telecamere. Non furono rilevati segni di effrazione. Il quadro era catalogato tra i beni della Curia, che denunciò il furto ai carabinieri di Bedizzole. Potrebbe essersi trattato di un raid su commissione, uno dei numerosi che alimentano il giro del collezionismo illecito di opere antiche e opere sacre, oppure occasionale. Le indagini proseguono.

B.Ras.