Quotidiano Nazionale logo
11 feb 2022

La sfida di cimici cervi e cinghiali all’agricoltura

Ogni anno causano danni per milioni di euro e mettono in ginocchio coltivazioni e frutteti

roberto canali
Cronaca

di Roberto Canali Cosa accomuna cervi, cinghiali e la cimice asiatica? Al netto delle dimensioni, sicuramente diverse, la cattiva abitudine di devastare i raccolti creando danni agli agricoltori. Una vera e propria iattura finita da tempo sul tavolo di Fabio Rolfi, l’assessore regionale all’Agricoltura che oltre a redistribuire i fondi statali per i risarcimenti, ha deciso di proseguire con il controllo biologico attraverso la vespa samurai, attivando al contempo una ricerca su strumenti innovativi e sostenibili. "La cimice asiatica crea danni per circa 15 milioni di euro all’anno nella nostra regione - spiega Rolfi - è evidente come i rimborsi non siano sufficienti ed è necessario dunque continuare con la lotta biologica. Anche quest’anno proseguiremo con il rilascio della vespa samurai che è la sua antagonista naturale". La Regione ha inoltrato al Ministero della Transizione Ecologica la richiesta di rinnovo dell’autorizzazione per la prosecuzione del programma di immissione in natura della vespa samurai. Nei due anni passati il piano ha previsto un totale di 106 rilasci in 33 diverse località della regione. "Chiaramente risultati concreti - aggiunge l’assessore - si vedranno nel medio termine, ma il ritrovamento della vespa samurai nell’anno successivo ai rilasci rappresenta un’indicazione del suo insediamento". È stata attivata una collaborazione con l’Istituto di entomologia del Dipartimento Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino, con l’obiettivo di individuare strumenti innovativi, a impatto zero, per il contenimento delle popolazioni dell’insetto. "Nel frattempo, è necessario che le aziende agricole proseguano nell’opera di difesa. Al momento - conclude Rolfi - l’installazione di reti protettive rappresenta il modo più efficace per ridurre i danni". In questi anni la Regione ha destinato a questo scopo 12,5 milioni di euro a 410 aziende. In aggiunta sul Lario a creare danni ci pensano cervi e cinghiali. L’ipotesi per contenere i primi è di chiedere ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?