Roberto Salmoiraghi, sindaco di Campione d'Italia
Roberto Salmoiraghi, sindaco di Campione d'Italia

Campione d'Italia (Como), 18 luglio 2018 - Una lettera aperta al sindaco, Roberto Salmoiraghi, ma soprattutto ai cittadini di Campione d’Italia quella scritta dai quattro consiglieri dissidenti, anche se loro si definiscono «minoranza della maggioranza», Tanina Padula, Fiorenzo Dorigo, Domenico Disceglie e Michele Canesi.

«Siamo veramente preoccupati e delusi dagli accadimenti avvenuti nelle ultime settimane in Paese, anche alla luce di una gestione politica e amministrativa che si sta rivelando alquanto inadeguata e deficitaria, rispetto alla difesa delle reali peculiarità ed esigenze della comunità campionese – spiegano -. Non riusciamo a comprendere come mai l’ente comunale non si faccia trasferire un minimo di risorse finanziarie, almeno necessarie per poter garantire, da un lato, la sopravvivenza di alcuni servizi essenziali del Paese e, dall’altro, per provvedere a pagare almeno parzialmente una parte degli arretrati maturati nei confronti dei dipendenti comunali.

Riteniamo giusto, doveroso ed essenziale tutelare la continuità aziendale del Casinò, ma dall’altro non possiamo accettare supini che si decida deliberatamente di far morire e di azzerare tutti i servizi essenziali che l’ente comunale dovrebbe sempre garantire a favore dei propri cittadini». Secondo i consiglieri senza interventi rapidi il rischio è l’azzeramento dei servizi essenziali.

«Negli ultimi mesi abbiamo assistito all’abolizione integrale del contributo integrativo, per la differenza cambio a favore dei pensionati campionesi – ricordano –. I dipendenti comunali non ricevono le proprie retribuzioni da oltre cinque mensilità e non hanno alcuna idea di quando potranno contare su tali pagamenti da parte del Comune». Se ne potrà sapere di più domani sera, alle 20, nel corso del Consiglio comunale in cui il sindaco, Roberto Salmoiraghi, presenterà il piano di ristrutturazione industriale e finanziario della Casa da gioco.