I soccorsi
I soccorsi

Cantù (Como), 26 agosto 2018 - Grande apprensione ieri mattina alla Cassina Ferrara, frazione al confine con Rovello Porro, per l’incidente stradale avvenuto tra via Miola e via Stoppani. È successo intorno alle 10 e malgrado non sia stata bloccata la circolazione sono stati moltissimi i residenti e gli automobilisti che si sono fermati per assistere alle operazioni di soccorso. L’impatto si è verificato al centro dell’intersezione tra un’auto, una Mercedes che arrivava da via Stoppani e stava svoltando a sinistra in via Miola verso Rovello Porro, e una bicicletta che arrivava dal Comune comasco e procedeva dritto verso Solaro. Il ciclista ha sbattuto la testa contro il montante della portiera del conducente. A raccontarlo non solo l’ammaccatura sulla carrozzeria, ma anche il pezzo di caschetto rimasto incastrato nella vettura. Nell’impatto, oltre al dispositivo di sicurezza, si è spezzata anche la forcella della bicicletta mentre il ragazzo – un ventitreenne residente a Cantù – è finito a terra. 

Il 42enne a bordo dell’auto è sceso e ha soccorso il ragazzo, l’ha invitato a restare fermo fino all’arrivo dei mezzi di soccorso. Sono arrivate un’ambulanza della Croce Rossa di Saronno e dopo pochi minuti anche l’elisoccorso atterrato in via Don Mazzolari. Il personale sanitario ha soccorso il giovane sul posto per poco meno di un’ora prima del trasferimento, in elisoccorso, all’ospedale San Carlo di Milano. Non ha mai perso conoscenza, ma a preoccupare era la ferita riportata alla testa malgrado il casco. Sul posto anche due pattuglie della polizia locale che hanno provveduto a deviare la circolazione. Inoltre hanno effettuato i rilievi prima che fossero rimosse la vettura e la bicicletta. I vigili hanno anche raccolto la testimonianza del conducente e di alcuni passanti. Saranno preziose per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente, che sarà determinata insieme alle responsabilità proprio dagli agenti.