Brienza dopo Cagnardi. Cantù cambia ancora

Dopo l'esonero di Cagnardi, Cantù annuncia l'arrivo di Brienza come nuovo allenatore. Cambiamenti in vista anche a livello societario per puntare alla promozione in Serie A.

Brienza dopo Cagnardi. Cantù cambia ancora

Brienza dopo Cagnardi. Cantù cambia ancora

Ieri l’esonero di Devis Cagnardi, ora l’annuncio in arrivo di Nicola Brienza (nella foto). Sono giornate piene in casa Cantù dopo il terzo mancato assalto alla Serie A. E allora spazio ad un coach di ritorno, che quest’anno con Pistoia, oltre ai playoff, si è preso anche il premio di miglior allenatore della massima serie. La decisione di esonerare Cagnardi è stata presa dopo un incontro con il presidente Roberto Allievi, a una settimana dal ko in gara 4 della finale promozione contro Trieste.

Cagnardi, ancora sotto contratto per un altro anno, non ha trovato un accordo per la rescissione e resta in attesa di nuove opportunità, con voci che lo collegano a un possibile ritorno ad Agrigento o a un coinvolgimento (difficile) con la Fortitudo Bologna. L’arrivo di Brienza segna il terzo cambio di allenatore in tre stagioni consecutive per Cantù, un chiaro segnale della determinazione del club nel voler raggiungere l’obiettivo promozione. Brienza, già conosciuto e apprezzato nell’ambiente canturino, è pronto a iniziare la pianificazione del nuovo roster insieme al GM Sandro Santoro, che ha ricevuto pieni poteri per gestire il mercato. Tra le prime questioni sul tavolo c’è la posizione del direttore sportivo Fabrizio Frates, che potrebbe non essere confermato. Anche Tommaso Sacchetti, quest’anno secondo assistente, è in bilico, mentre Mattia Costacurta potrebbe avanzare a terzo allenatore, a patto di risolvere il nodo di un eventuale doppio ruolo con il settore giovanile del PGC.

La dirigenza intanto sta lavorando sul fronte societario: il consiglio di amministrazione è stato ampliato con l’ingresso di Giuseppe Joe Rizzello, amministratore delegato di ASM Global Italia, il colosso americano che gestirà la nuova Arena di Cantù. Questo ingresso segna una svolta importante, con l’obiettivo di espandere il brand di Cantù non solo a livello nazionale ma anche internazionale. Sul fronte del roster, il rinnovo di Moraschini, nonostante l’infortunio che lo terrà fuori per tre mesi, rimane una priorità. Con l’annuncio imminente di Nicola Brienza come nuovo allenatore, Cantù si prepara a una nuova stagione con rinnovate ambizioni e una struttura societaria rafforzata.

Alessandro Maggi