Riapre oggi la piscina di viale Geno, anche se per fare il bagno nella vasca sarà necessario attendere i prossimi giorni, al termine degli interventi di sanificazione. Un ritorno solo in parte alla normalità visto che tra Como Nuoto e Pallanuoto Como non solo la pace è lungi da venire, ma le...

Riapre oggi la piscina di viale Geno, anche se per fare il bagno nella vasca sarà necessario attendere i prossimi giorni, al termine degli interventi di sanificazione. Un ritorno solo in parte alla normalità visto che tra Como Nuoto e Pallanuoto Como non solo la pace è lungi da venire, ma le posizioni appaiono quanto mai inconciliabili. Dopo la decisioni di Palazzo Cernezzi che ha disatteso una sentenza del Consiglio di Stato estromettendo dall’assegnazione Pallanuoto Como, ormai è una guerra di tutti contro tutti, accompagnata da querele e controquerele. La prima a muoversi è stata Como Nuoto che ha denunciato i rappresentanti di Pallanuoto Como e di Crocera Stadium per falso ideologico in atto pubblico e turbativa d’asta. "Un atto dovuto nell’interesse della nostra società e dei comaschi – spiega il presidente Mario Bulgheroni - Abbiamo deciso di presentare una denuncia alla Procura di Como per i tesserati propaganda dichiarati agonisti da Pallanuoto Como con l’invito ad attivarsi presso la Federazione Italiana Nuoto per stabilire il numero esatto degli atleti interessati. Ci costituiremo parte civile per il risarcimento dei danni subiti. Fortunatamente in questo week end riapriremo la sede di Viale Geno, spero ardentemente d’ora in avanti di poter parlare solo di sport". Replica a stretto giro di posta Pallanuoto Como attraverso il suo presidente, Giovanni Dato. "Ribadiamo per l’ennesima volta che non abbiamo falsificato alcunchè. Se c’è qualcuno che ha presentato qualcosa di falso e` Como Nuoto".