Carpenedolo: precipita nel vuoto mentre ripara il tetto di un capannone, muore operaio

L’incidente si è verificato nella mattina di oggi, martedì 12 marzo. La vittima aveva 43 anni: è deceduta sul colpo

L'azienda dove si è verificato l'incidente (Venezia)

Un operaio di origini albanesi di 43 anni è morto questa mattina in un cantiere a Carpenedolo, in provincia di Brescia. Secondo le prime ricostruzioni l'uomo - che era al lavoro nel cantiere per conto di una ditta esterna - è precipitato nel vuoto ed è morto sul colpo, 12 marzo 2024. ANSA/FILIPPO VENEZIA

Carpenedolo, 12 marzo 2024 – Tragedia sul lavoro nel Bresciano. Un operaio di origini albanesi di 43 anni è morto questa mattina, martedì 12 marzo, in un cantiere all’interno della Ghirardi, un’azienda attiva nella produzione di manufatti in marmo a Carpenedolo. L’incidente è avvenuto poco prima delle 8.

A quanto risulta l'operaio, che lavorava per una ditta esterna, si era arrampicato sulla copertura di un capannone dell'azienda di via Santa Croce per sistemare i danni provocati da una grandinata estiva. Per ragioni in corso di accertamento è precipitato nel vuoto facendo un volo di alcuni metri, e finendo - pare - su alcune lastre di marmo. 

I soccorritori hanno provato in tutti i modi a salvarlo ma non c'è stato nulla da fare: è deceduto sul posto. Sul posto sono intervenuti per i rilievi i carabinieri della compagnia di Desenzano e i tecnici dell'Ats di Brescia.

Gli accertamenti sono ancora in corso, per ricostruire dinamica e cause della caduta fatale. Fondamentali saranno anche le eventuali testimonianze dei colleghi dell’uomo, alcuni dei quali potrebbero aver assistito all’incidente.