Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
10 mag 2022

Green Hill, dopo dieci anni il processo al canile degli orrori finisce con l’assoluzione

Finito il processo per veterinario e dipendenti. La struttura di Montichiari fu chiusa nell’estate 2012 per maltrattamenti e uccisioni dei beagle

10 mag 2022
beatrice raspa
Cronaca
Un cucciolo di Beagle viene messo in salvo da un gruppo di persone che manifestano davanti all'allevamento Green Hill di Montichiari, Brescia, 28 aprile 2012. Un gruppo di animalisti e' entrato nell'allevamento e ha liberato i cuccioli tenuti nelle gabbie facendoli poi passare sopra il filo spinato posto sopra le cancellate della struttura. I cani Beagle sono allevati a Montichiari e destinati alla vivisezione.  ANSA/FILIPPO VENEZIA
Un cucciolo di Beagle viene messo in salvo da un gruppo di persone che manifestano
Un cucciolo di Beagle viene messo in salvo da un gruppo di persone che manifestano davanti all'allevamento Green Hill di Montichiari, Brescia, 28 aprile 2012. Un gruppo di animalisti e' entrato nell'allevamento e ha liberato i cuccioli tenuti nelle gabbie facendoli poi passare sopra il filo spinato posto sopra le cancellate della struttura. I cani Beagle sono allevati a Montichiari e destinati alla vivisezione.  ANSA/FILIPPO VENEZIA
Un cucciolo di Beagle viene messo in salvo da un gruppo di persone che manifestano

Montichiari (Brescia) - Prima un’assoluzione, poi una condanna, poi un annullamento con rinvio e ora la conferma dell’assoluzione. Il caso Green Hill, il canile degli orrori di Montichiari chiuso nell’estate 2012 per maltrattamenti e uccisioni dei beagle, le cavie allevate per la sperimentazione, a distanza di dieci anni rimbalza ancora tra aule di giustizia. Ieri al termine del processo d’appello bis la seconda sezione della Corte ha assolto il veterinario dell’ex Asl Roberto Silini, e gli ex dipendenti dell’allevamento, Cinzia Vitiello, Antonio Tabarelli e Antonio Tortelli.

All’esito di un percorso tortuoso, è arrivata la conferma della sentenza di primo grado emessa nel febbraio 2018 dal gup. Gli imputati, assistiti dagli avvocati Eustachio Porreca e Gianluca Venturini, rispondevano di accuse differenziate. Il funzionario pubblico di maltrattamenti e animalicidio in concorso con i gestori del canile chiuso smantellato dalla procura- Ghislane Rondot e il veterinario interno Renzo Graziosi furono condannati in via definitiva a un anno e mezzo, il direttore Renzo Bravi a un anno - oltre che di omessa denuncia e di falso.

Stando alla prospettazione degli inquirenti, Silini non segnalò a chi di dovere le violenze perpetrate sui cani e dichiarò nei verbali che all’esito dei controlli non furono ravvisate irregolarità. I lavoratori invece rispondevano di falsa testimonianza. L’assoluzione fu impugnata dalla procura e poi ribaltata in appello nel luglio 2019, da cui uscirono condanne a tre anni per Roberto Silini, a 1,4 anni per i dipendenti. La sentenza era tuttavia stata annullata dalla Cassazione che aveva disposto un secondo processo in Corte.

Processo che si è concluso nelle scorse ore: alcuni reati sono andati prescritti, per il resto c’è stata conferma. "La Marshall, azienda proprietaria di Green Hill, esprime soddisfazione per questa sentenza arrivata dopo anni di ingiuste e immotivate accuse", è il commento della multinazionale alle spalle dell’allevamento di Montichiari.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?