ROSELLA FORMENTI
Cronaca

Via Creva, intervento impossibile La frana è ancora in movimento

I rocciatori non possono procedere alla messa in sicurezza, il Comune pensa agli sfollati

Migration

di Rosella Formenti

La frana in via Creva 93 a Luino è ancora in movimento: anche l’altro giorno si sono verificati distacchi dalla parete di massi non di grandi dimensioni. L’area, dove nei giorni scorsi sono stati effettuati sopralluoghi da parte dei tecnici di uno studio di ingegneria e dei funzionari di Regione Lombardia, è monitorata in attesa che possano cominciare le operazioni di svuotamento del vallo artificiale, che ha contenuto le rocce franate evitando che finissero contro il primo palazzo evacuato e successivamente consentire l’intervento dei rocciatori per il disgaggio, al momento impossibile proprio per la pericolosità della situazione.

In una seconda fase si potrà procedere con il progetto di messa in sicurezza, che sarà definito dallo studio di ingegneria a cui l’amministrazione comunale si è affidata, per consentire il rientro nelle abitazioni delle 26 famiglie sfollate. La soluzione non è vicina, ci vorranno mesi, per questo l’amministrazione si sta attivando per trovare alloggi e garantire una sistemazione temporanea ancorché lunga per quanti sono stati costretti a lasciare i due palazzi minacciati dalla frana.

Ieri nel pomeriggio il sindaco Enrico Bianchi e l’assessore ai Servizi sociali Elena Brocchieri hanno incontrato gli operatori dell’ufficio tecnico e dell’ufficio ragioneria, un confronto necessario per definire i criteri da adottare per avviare interventi di sostegno economico per le famiglie sfollate in difficoltà per l’affitto. "Stiamo valutando caso per caso – dice l’assessore Brocchieri –. Al momento una decina di persone sono ancora accolte nella struttura di Castelveccana, una parte degli sfollati sono presso parenti mentre una buona parte ha trovato appartamenti a Luino e nei paesi vicini, abbiamo però ancora alcune situazioni da sistemare, per questo rilanciamo l’appello a chi possiede alloggi sfitti, serve la loro collaborazione".