ROSELLA FORMENTI
Cronaca

Piano di tutela del lago. Lavori da 400mila euro: "Tutte le acque depurate"

Casciago, parte la riqualificazione in via Maroni che terminerà il 20 settembre. Inevitabili i disagi, intanto il 15 luglio riapre la balneazione al Lido Schiranna.

Piano di tutela del lago. Lavori da 400mila euro: "Tutte le acque depurate"

Piano di tutela del lago. Lavori da 400mila euro: "Tutte le acque depurate"

Tutelare la qualità delle acque del Lago di Varese: è questo il primo obiettivo dei lavori che Alfa (la società pubblica che gestisce il sistema idrico integrato nella provincia di Varese), ha cominciato l’altro giorno in via Maroni a Casciago. Si realizzeranno, secondo il progetto, due nuovi tratti di fognatura paralleli lunghi circa 300 metri ciascuno, destinati a raccogliere uno le acque meteoriche, l’altro i reflui fognari. Questi ultimi saranno convogliati alla depurazione presso l’impianto di Gavirate, mentre le acque piovane, dopo essere passate da un disoleatore, andranno in un corso d’acqua e da questo al lago. In precedenza, entrambi venivano convogliati in un’unica tubazione. Dunque un intervento importante che apporta miglioramenti.

I lavori permetteranno inoltre di spostare la rete fognaria attualmente esistente al di fuori delle proprietà private, rendendo così più facili e meno disagevoli per i cittadini le attività di manutenzione. Come sempre, fanno rilevare da Alfa: "quando si tratta di eseguire cantieri che prevedono scavi lungo le strade, sarà inevitabile qualche disagio per i residenti e per chi utilizza la via per gli spostamenti". E su questo aspetto interviene il sindaco di Casciago Mirko Reto: "Chiediamo la collaborazione dei cittadini - ha detto all’avvio dell’opera -. Non a caso Alfa ha scelto di eseguire i lavori nel periodo estivo, a scuole chiuse e a ferie iniziate".

Ha aggiunto Edoardo Ghizzoni, dell’Ufficio Fognatura – Progettazione Interambito di Alfa: "Insieme all’amministrazione comunale abbiamo predisposto tutta la segnaletica, utile ad informare della chiusura di via Maroni e dei possibili percorsi alternativi. Fermo restando che sarà ovviamente sempre garantito l’accesso pedonale a tutte le abitazioni della via". La data di chiusura lavori prevista (condizioni atmosferiche permettendo) è il 20 settembre, mentre l’ investimento per la realizzazione delle opere ammonta a circa 400mila euro.

Opere dunque importanti che contribuiranno a tutelare la qualità delle acque del lago di Varese. Intanto dopo la conferma della buona qualità delle acque per il tratto rivierasco del Comune di Varese, a seguito dei monitoraggi di Ats Insubria, dal 15 luglio al 30 settembre riapre la balneazione nell’area del Lido Schiranna.