ROSELLA FORMENTI
Cronaca

Varese, sos medici di base: in provincia ne mancano 119

Il consigliere Astuti chiede alla Regione azioni concrete: “Oltre 170mila cittadini sono senza un punto di riferimento”

Allarme medici di base in provincia di Varese

Allarme medici di base in provincia di Varese

Varese, 10 luglio 2024 – Sos medici di base . A lanciare l’allarme è il consigliere regionale del Pd Samuele Astuti. "In provincia di Varese mancano 119 medici di base, 50 in Asst Sette Laghi e 69 in Asst Valle Olona. Parliamo potenzialmente di circa 174mila cittadini senza un punto di riferimento in fatto di salute e accesso alle cure".

Prosegue Astuti commentando i dati pubblicati nei giorni scorsi da Regione Lombardia nel bando per la copertura degli ambiti regionali di medicina generale: «Allargando il campo a tutta la regione, ci ritroviamo con 1.349 ambiti di medicina generale scoperti. Se consideriamo che un professionista arriva ad avere fino a 1.500 assistiti, siamo a circa 2 milioni di pazienti lombardi in cerca di medico. Altro che regione dell’eccellenza sanitaria…". Fin dalla pandemia, prosegue "abbiamo sempre posto l’attenzione sulle soluzioni per questo problema che ormai si trascina da anni, insieme al terribile ricatto delle liste d’attesa e alla privatizzazione strisciante della sanità pubblica".

Ribadisce Astuti: "Servono misure strutturali e concrete, dobbiamo rilevare i bisogni dei cittadini per determinare l’assegnazione dei medici in base alle reali necessità dei territori, semplificare la procedura di scelta e revoca, ridurre gli adempimenti burocratico-amministrativi a carico dei medici di base e dei pediatri di libera scelta, pianificare con largo anticipo le sostituzioni dei medici per evitare scoperture, aumentare il valore delle borse di studio regionali per la formazione dei medici di base, garantendo che non siano inferiori a quanto previsto a livello nazionale e puntando all’equiparazione economica con le borse di specializzazione ospedaliera, offrire incentivi a esercitare negli ambiti carenti e nei territori più complessi, mettendo a disposizione spazi pubblici inutilizzati e prevedendo bonus per l’assunzione di personale infermieristico e di segreteria".

Queste proposte conclude il consigliere regionale: "Rappresentano soluzioni concrete per affrontare una crisi che sta lasciando centinaia di migliaia di cittadini lombardi senza assistenza sanitaria adeguata. È urgente che Regione Lombardia agisca con determinazione per ripristinare un sistema sanitario efficiente e accessibile per tutti".