CHRISTIAN SORMANI
Cronaca

Ispettore aggredito e cella incendiata: disordini del carcere di Busto Arsizio

La denuncia del Sappe: “Serve un’inversione di rotta”

Materassi dati alle fiamme nel carcere di Busto

Materassi dati alle fiamme nel carcere di Busto

Busto Arsizio (Varese) - Ancora episodi di violenza nel carcere di Busto Arsizio.

Il segretario regionale del sindacato autonomo polizia penitenziaria della Lombardia Alfonso Greco, testimonia l’invivibilità della casa circondariale di via Cassago Magnago: “Nella giornata di ieri, un giovane detenuto nordafricano, infastidito per essere stato svegliato dai poliziotti che dovevano procedere ad una perquisizione ordinaria, è andato in escandescenza: prima ha minacciato e poi ha tentato di aggredire un ispettore. Il detenuto è stato contenuto ma comunque cercato di colpire il collega con un corpo contundente per poi minacciarlo di tagliargli la faccia prima del trasferimento. Fortunatamente l’ispettore non si è fatto nulla”.

“Successivamente, nel pomeriggio”, prosegue Greco, "per l'ennesima volta un detenuto turco ha dato fuoco alla propria cella, incendiando materasso e suppellettili. Spente le alte fiamme propagate in tutta la cella, il detenuto è stato fatto uscire incolume dalla stessa. Solo a Busto lo stesso detenuto ha già incendiato 5 celle. Sempre e solo grazie alla professionalità del personale di Polizia Penitenziaria di Busto Arsizio si è riusciti anche oggi ad assicurare e garantire l’ordine e la sicurezza all’interno dell’istituto bustocco”.

Sugli episodi torna anche il segretario generale del Sappe Donato Capece, che esprime solidarietà ai poliziotti coinvolti: “Con questi ulteriori gravi eventi critici sale vertiginosamente il numero dei poliziotti coinvolti da detenuti senza remore in fatti gravi. Esprimiamo la massima solidarietà e vicinanza a tutti i colleghi della Casa circondariale di Busto Arsizio: e questi ultimi episodi devono far riflettere i vertici dell’istituto e della Regione. Ci vuole una completa inversione di rotta nella gestione delle carceri regionali, siamo in balia di questi facinorosi, convinti di essere in un albergo dove possono fare quel che non vogliono e non in un carcere! Facciamo appello anche alle autorità politiche regionali e locali: in carcere non ci sono solo detenuti, ma ci operano umili servitori dello Stato che attualmente si sentono abbandonati dalle Istituzioni”.

Per questo, il leader del Sappe “auspica in un celere intervento di questo Governo sulle continue aggressioni al personale oramai all’ordine del giorno”.