Quotidiano Nazionale logo
16 mar 2022

Evasione sventata dal carcere di Busto

Il ventiduenne aveva annodato le lenzuola e nascosto il fagotto vicino al primo muro di recinzione

rosella formenti
Cronaca
Il carcere di Busto Arsizio: sfuma il piano di evasione di un giovane detenuto
Il carcere di Busto Arsizio: sfuma il piano di evasione di un giovane detenuto
Il carcere di Busto Arsizio: sfuma il piano di evasione di un giovane detenuto

di Rosella Formenti

Tentativo di evasione dal carcere di Busto Arsizio sventato dagli agenti della Polizia Penitenziaria della casa circondariale. L’episodio risale al 7 marzo scorso, a mettere in atto il piano per la fuga un detenuto di 22 anni, nordafricano, arrestato due mesi fa per spaccio di droga. Il ventiduenne aveva realizzato una corda con le lenzuola, mettendo dei ganci alle estremità, nascosta in un fagotto, lasciato in prossimità del primo muro di contenimento. Il ritrovamento da parte degli agenti di quel fagotto ha avviato le indagini interne, terminate ieri e che hanno permesso di arrivare ad identificare l’autore del tentativo di fuga, appunto il giovane nordafricano. "Il piano è stato sventato quando era ancora nella sua fase preparatoria – ha dichiarato ieri il direttore della casa circondariale Orazio Sorrentini. Ad essere al corrente del piano era il compagno di cella che non intendeva affatto evadere a sua volta. " La polizia penitenziaria – ha sottolineato Sorrentini - ha accertato che se complicità c’è stata da parte del compagno di cella si è tradotta nel saggiare la resistenza della corda improvvisata tirando le lenzuola annodate".

Dal direttore è arrivato l’apprezzamento per il lavoro svolto dagli agenti , ha fatto sapere "ho scritto a chi di dovere affinché vengano ricompensati per l’ottimo risultato preventivo". Per nordafricano è stato richiesto il trasferimento in un’altra struttura carceraria. Il 14 febbraio scorso invece l’evasione era riuscita a due detenuti nel carcere dei Miogni a Varese, Anthony Ragona, 35 anni, di Barlassina e Roberto Nardello, 50 anni, di Arcisate, in cella entrambi per rapina e furto, colpi che avevano effettuato in coppia. La fuga si è conclusa tre giorni dopo, il 17 febbraio sono stati individuati e arrestati a Induno Olona in prossimità del cimitero dagli agenti della Polizia penitenziaria di Varese e di Milano.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?