Il ponte sul torrente
Il ponte sul torrente

Val Masino (Sondrio), 4 giugno 2019 -  Ersaf ha pubblicato sul proprio sito Internet i rendering che mostrano come sarà il sentiero in Val di Mello. Immagini che rassicurano gli amanti della “valle incantata”: come promesso dopo mesi di polemiche, infatti, ora tutti possono vedere con i propri occhi che gli interventi previsti dalla Regione, parte integrante di una programmazione complessiva che riguarda il territorio per il triennio 2019-2021, non snatureranno l’area, ma si limiteranno a manutenzione e sistemazione dell’esistente. Il progetto prevede, in particolare, la realizzazione di un sentiero di accesso alla Val Masino collegato alle principali infrastrutture di mobilità ciclo-pedonale del fondovalle valtellinese (via dei Terrazzamenti, Sentiero Valtellina); la realizzazione di infrastrutture per attivazione del servizio di car sharing; la sostituzione/implementazione del trasporto pubblico (studenti e turisti) e infrastrutturazione per bike. Nel progetto rientra l’acquisto di due minibus ibridi dotati di piattaforma per servizio navetta tra Val di Mello e valle dei Bagni ma c’è anche un occhio di riguardo per lo sport e in particolare per il Parco Bouldering e il Parco delle Falesie, con la riqualificazione degli impianti sportivi.

E ancora: interventi di manutenzione ordinaria alla sentieristica di collegamento da San Martino alla val di Mello, su entrambe le sponde idrografiche del torrente Mello e l’installazione di composting toilette con sistema di risanamento secco (vento e sole) senza uso d’acqua, elettricità e prodotti chimici.

Nella dettagliata presentazione pubblicata sul sito di Ersaf, poi, vi sono immagini della situazione attuale e accanto il rendering di come sarà la zona dopo l’intervento, che partirà a breve. Ci sono quindi immagini dell’area parcheggio e di come diventerà dopo la sistemazione del fondo in misto ghiaia, la realizzazione di una casa dell’accessibilità, di un infopoint e di una staccionata in legno di protezione. Le foto mostrano anche la futura rampa di accesso al ponte prima del parcheggio e come sarà, dopo la ripulitura, l’area antistante il “Gatto Rosso”; ma anche il ponte pedonale che sostituirà quello carrabile e la rampa in pietrame che consentirà il transito con le jolette ed il passaggio pedonale.