Seminano il panico a San Felice Speronano le auto e scappano

Tre giovani feriscono anche due turisti olandesi. Due denunciati, uno in fuga

Seminano il panico a San Felice  Speronano le auto e scappano
Seminano il panico a San Felice Speronano le auto e scappano

SAN FELICE DEL BENACO (Brescia)

Prima seminano il panico guidando a zig-zag per le vie del paese, poi provocano un incidente (per fortuna senza feriti seri) e non si fermano, quindi abbandonano l’auto praticamente in spiaggia sotto gli occhi di una folla di turisti a bocca a aperta e scappano a gambe levate. Protagonisti, tre giovani italiani, di cui due bloccati dai carabinieri, mentre uno si è dato alla macchia. Nel primo pomeriggio di mercoledì i ragazzi, tutti tra i venti e i trent’anni, vecchie conoscenze delle forze dell’ordine, hanno generato trambusto e movimento a San Felice. Il trio ha dato spettacolo poco dopo le 13, muovendosi su una vecchia auto, una Wolkswagen Golf che andava a pezzi, non certo passata inosservata. Il catorcio (cui era stata cambiata la targa) sfrecciava per il piccolo centro compiendo manovre inconsulte e procedendo a onde.

Approfondisci:

Endine, muore il 17enne Andrea Dellanoce travolto sul marciapiede da un furgone. Il conducente era ubriaco

Endine, muore il 17enne Andrea Dellanoce travolto sul marciapiede da un furgone. Il conducente era ubriaco

Gli occupanti - il trio, appunto - appariva tutt’altro che lucido e il sospetto è che fosse sotto effetto di alcol o droghe (o entrambi), circostanza che sarà chiarita nelle prossime ore. Quel che è certo è che prima in via San Procolo la Golf ha centrato un’auto con a bordo due turisti olandesi settantenni, soccorsi dai Volontari del Garda (la coppia ha riportato ferite lievi), quindi anziché accostare è ripartita più veloce di prima. In molti hanno chiamato il 112 e sul posto sono subito arrivate le pattuglie dei carabinieri della compagnia di Salò. Sperando di far perdere le proprie tracce i giovani fuori controllo hanno cercato di infilarsi nella zona pedonale della Baia del vento, non una mossa molto furba che li ha indotti a mollare lì tra i bagnanti con gli occhi strabuzzati il veicolo incidentato con le portiere aperte, e a proseguire la fuga a piedi. Ai tre non è andata a tutti nello stesso modo. Due ragazzi sono stati raggiunti e acciuffati dai militari - uno si è arreso velocemente, il complice al contrario ha dato di matto, entrambi comunque sono stati denunciati e sono a piede libero - il terzo soggetto invece è riuscito effettivamente a dileguarsi. Mentre gli investigatori cercano di identificarlo, sono al lavoro per capire anche chi dei tre fosse al volante dell’auto impazzita.

Beatrice Raspa