Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
17 mag 2022

Montagna, percepiva reddito di cittadinanza ma dovrà restituire 5mila euro

Paolo Bormolini ha omesso di essere affidato in prova

17 mag 2022
roberto canali
Cronaca
SONDRIO, TRIBUNALE - foto(ANSA/ANP)
Tribunale di Sondrio
SONDRIO, TRIBUNALE - foto(ANSA/ANP)
Tribunale di Sondrio

Monatgna (Sondrio) -  Per quasi due settimane, dal 14 al 26 gennaio del 2020, ogni volta che si recavano a fare la spesa al supermercato Iperal di Piantedo ne approfittavano per prendere, senza pagare, creme antirughe, giocattoli e piccoli oggetti di elettronica.

Fermati più volte dal personale del supermercato, grazie al circuito di sorveglianza interno, alla fine tre cinquantenni residenti in provincia di Lecco e di Bergamo sono stati denunciate per furto, in concorso tra di loro. Giudicati dal Tribunale di Sondrio sono stati condannati tutti e tre a pene lievi: 4 mesi di reclusione e 120 euro di multa per S.B., 51 di Dervio, due mesi di reclusione e 60 euro di multa per G.M., 48 anni di Villa D’Almé (Bg), due mesi con sospensione condizionale della pena e 60 euro di multa per C.B., 52 anni di Mandello.  In tutto i tre hanno sottratto merce per 200 euro.

Nei guai anche P.B., 48 anni, residente a Montagna, condannato per aver ottenuto indebitamente il reddito di cittadinanza. L’uomo infatti ha omesso di essere sottoposto alla misura cautelare dell’affidamento in prova presso i servizi sociali dopo essere stato condannato, inoltre non ha comunicato di essere proprietario di alcuni immobili ereditati dalla madre. Condannato a un anno e 4 mesi di reclusione con la sospensione dell’erogazione del reddito di cittadinanza dovrà restituire 5.385 euro percepiti illecitamente da giugno 2020 all’aprile 2021. 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?