FULVIO D’ERI
Cronaca

Sondrio in cerca di palestre: “Pochi spazi, ne servono altri”

Il capoluogo valtellinese si scopre una città con tantissimi sportivi ma con poche strutture L’assessore Michele Diasio: "Stiamo monitorando la situazione per cercare di intervenire"

Sondrio, servono più strutture per gli sport al coperto

Sondrio, servono più strutture per gli sport al coperto

Sondrio, 19 settembre 2023 –  Sondrio si scopre città con tantissimi sportivi e… poche strutture. Soprattutto di quelle essenziali per gli sport outdoor. Il clamoroso successo delle competizioni professionistiche di basket e volley, con Varese, Brescia e Massagno e nel weekend con Egonu, Allianz Vero Volley Milano, Volley Bergamo 1991, Futura Busto Arsizio e Mulhouse impegnati in kermesse internazionali che hanno fatto registrare spalti pienissimi al Palascieghi Pini, ha confermato come la città sia ad alta vocazione sportiva per quel che riguarda le discipline di squadra al "coperto". E, avendo tanti praticanti, ci vogliono molte strutture. Quattro palestre comunali e 5 in gestione in orario extrascolastico, quelle degli istituti superiori di proprietà della Provincia, 18 società sportive che le utilizzano, per un’occupazione media superiore all’85%, con punte del 100%. I dati si riferiscono allo scorso anno scolastico e considerano la frequenza stabile, dal lunedì al venerdì, tra le 17 e le 22.

A questa occupazione si aggiungono allenamenti competizioni, corsi e partite il sabato e la domenica. La palestra Merizzi, ad uso esclusivo della ginnastica artistica, è stata utilizzata tutti i giorni feriali, dalle 14.30 alle 20, il sabato dalle 9 alle 11 e dalle 14.30 alle 18. La mancanza di tale spazio, per l’avvio della riqualificazione del Palazzo Balilla, ha costretto il Comune a reperire un impianto per consentire ai ginnasti di allenarsi sino al completamento dell’intervento. "È stato effettuato un attento monitoraggio per valutare altre opzioni - spiega l’assessore allo Sport e al Turismo Michele Diasio -: l’assetto delle palestre disponibili non consente di trovare uno spazio idoneo, quindi ci siamo rivolti ai Vigili del Fuoco di Sondrio avanzando la richiesta di utilizzo della palestra nella loro sede. Una situazione critica, che denota però una realtà positiva per la vivacità e l’intraprendenza delle nostre società e per la voglia di sport di cittadini di ogni età, in diverse discipline. I dati di occupazione e le pressanti richieste rendono evidente uno stato di fatto: gli impianti al chiuso, una scelta obbligata per una città di montagna, sono insufficienti, anche perché non tutte le palestre, per dimensioni e destinazione, soddisfano le esigenze. Come amministrazione siamo impegnati su più fronti: il reperimento o la realizzazione di nuovi spazi, l’adeguamento degli esistenti di proprietà e la definizione di un nuovo regolamento per la concessione degli impianti". A breve via ai lavori di riqualificazione del Balilla, che ha al suo interno la Merizzi, mentre nel 2024 si interverrà sul PalaMerizzi. La nuova palestra, per i 260 alunni dela Scuola dell’infanzia Munari e della primaria Credaro, nel tardo pomeriggio e la sera potrà essere utilizzata da ragazzi e adulti affiliati alle società sportive sondriesi.