Quotidiano Nazionale logo
15 feb 2022

Minacciata e aggredita "Finalmente ascoltata"

La donna da lungo tempo vittima di soprusi e violenze convocata in Tribunale dopo il racconto a “Il Giorno“

michele pusterla
Cronaca
Il dottor Andrea Sandroni dirigente dell’Anticrimine si è subito interessato
Il dottor Andrea Sandroni dirigente dell’Anticrimine si è subito interessato
Il dottor Andrea Sandroni dirigente dell’Anticrimine si è subito interessato

di Michele Pusterla "Grazie all’articolo pubblicato ieri, lunedì, su “Il Giorno“ forse qualcosa si sta finalmente muovendo dopo mesi e mesi di assordante silenzio, dopo le mie numerose denunce che ho presentato a Carabinieri e Polizia di Stato che sembravano essere totalmente cadute nel vuoto, del tutto dimenticate, mentre io continuo a vivere nel terrore...". A parlare è la 61enne Piera Pendusci, casa a Berbenno, che ci ha raccontato di ripetute minacce, danneggiamenti, uccisione dei suoi animali (una lupa, forse avvelenata, e tre gattini), episodi di stalking e aggressioni. "Ieri, dopo l’uscita dell’articolo - dichiara Pendusci, addetta alle pulizie nell’ospedale di Sondrio - sono stata contattata dal dirigente dell’Anticrimine della questura di Sondrio, dottor Andrea Sandroni, che mi ha convocato nel suo ufficio per domani martedì 15 febbraio. Poi, sempre nella mattinata di oggi (ieri per chi legge: ndr), mi è arrivata un’altra chiamata. Stavolta era l’ispettore Mauro Menatti della Polizia in servizio alla sezione di Polizia Giudiziaria del Tribunale. Mi ha detto di raggiungerlo nel suo ufficio, su disposizione del magistrato Chiara Costagliola, e ci sono andata. Più tardi Sandroni mi ha detto che saltava l’appuntamento in quanto sentita da Menatti. Mi sono intrattenuta nell’ufficio dell’ispettore circa 2 ore. Mi ha chiesto di riassumergli tutti gli episodi di cui sono stata vittima e che già avevo esposto, nei mesi e anni passati, nelle querele col mio avvocato Giuseppe Romualdi. Gli ho confermato tutto. Oggi voglio ottenere il porto d’armi per mia difesa personale, in quanto ho paura, non sentendomi tutelata. Io vivo sola a Berbenno e più volte sono stata minacciata pesantemente e sono finita all’ospedale dopo una violenta aggressione. Non ho fatto nulla a quell’uomo, ma lui è tuttora completamente libero e non cessa di perseguitarmi. Un giorno con fare minaccioso mi ha detto: “Quello che ti ho fatto sinora è ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?