Aprica: debutta la cabinovia della Magnolta. Raggiunge la cima in meno di sei minuti

Taglio del nastro per il nuovo impianto: può portare 1.600 persone all’ora nelle sue cabine panoramiche a dieci posti

Domenico Cioccarelli, presidente della Sita, società che gestisce la ski area (Orlandi)
Domenico Cioccarelli, presidente della Sita, società che gestisce la ski area (Orlandi)

Aprica, 7 gennaio 2024 – Aprica ha ora una cabinovia top di gamma, in grado di implementare l’offerta turistica della località turistica della media Valtellina. Si è tenuto infatti ieri mattina il tanto atteso taglio del nastro della nuova cabinovia della Magnolta: la "freccia nel cielo" ora splende di luce propria.

L’impianto Doppelmayr, con cabine panoramiche a dieci posti, ha la portata di 1.600 persone all’ora, alla velocità di 6 m/s. Un altro importante tassello nell’ammodernamento della skiarea Aprica-Corteno, dopo la sostituzione negli ultimi anni dello skilift Poncera e della seggiovia Piana Galli, inaugurata proprio la scorsa stagione.

I lavori, iniziati al termine della stagione invernale 2022/23, sono stati terminati con tempistiche record e solo gli aspetti burocratici hanno ritardato un poco l’apertura al pubblico.

Ieri il taglio del nastro. La cosa più apprezzata dai primi fruitori? La velocità. Infatti la nuova telecabina permette di raggiungere la cima della Magnolta in meno di sei minuti. All’appuntamento è intervenuto anche Massimo Sertori assessore del Pirellone agli Enti locali, Montagna e Risorse energetiche: "Sono molto felice di essere presente oggi – ha detto - Quello di Aprica è un esempio di come Regione Lombardia è riuscita ad attivare meccanismi virtuosi all’interno dei territori montani, grazie alla sigla dei patti territoriali. La funivia della Magnolta era un intervento necessario per mantenere il comprensorio di Aprica al passo con i tempi".

Emozionato, il presidente della società Sita, Domenico Cioccarelli si è così espresso: "Voglio ringraziare tutti quelli che hanno contribuito alla realizzazione dell’impianto. Questa è un’operazione fortemente voluta dagli impianti e dal Comune, che rilancia Aprica come località sciistica di punta della Valtellina. Continuiamo in questa direzione, con altri lavori previsti per le piste e gli impianti".

"L’inaugurazione di questo impianto, che porta una ventata di rinnovamento a lungo attesa per Aprica – ha affermato il sindaco, Dario Corvi – è solo uno dei tanti interventi fatti e previsti in questi anni".

Guardando avanti ha aggiunto: "Altri importanti passi sono infatti previsti per il futuro, grazie anche a 9 milioni destinati alla sostituzione della seggiovia del Palabione e 1,5 milioni per l’innevamento del Baradello da parte del Ministero".