La sanità che divide. Pd contro Fratelli d’Italia: "Voi complici della Lega"

Sondrio, botta e risposta fra destra e sinistra dopo i disservizi al Morelli "I valtellinesi hanno diritto alla salute". La replica: fate il gioco delle tre carte.

La sanità che divide. Pd contro Fratelli d’Italia: "Voi complici della Lega"

La sanità che divide. Pd contro Fratelli d’Italia: "Voi complici della Lega"

Fratelli d’Italia chiede che anche in Valtellina si riesca ad avere un’assistenza sanitaria certa, per residenti e turisti, ma il Partito democratico ricorda ai meloniani di essere al governo regionale (e nazionale) insieme a Lega e Forza Italia e quindi di essere corresponsabili di questa situazione. È un botta e risposta a Sondrio tra Fratelli d’Italia e Pd. "È nostro dovere batterci perché il diritto alla salute sia garantito ovunque: a Bormio, a Livigno o a Madesimo come a Milano – dicono dalla segreteria provinciale di Fratelli d’Italia -. Purtroppo, i tentativi di trovare una soluzione si sono dimostrati insufficienti e non hanno migliorato le cose, soprattutto perché non hanno tenuto conto delle peculiarità delle zone di frontiera come la provincia di Sondrio". Dopo il mancato ricovero di un anziano di Sondalo al Morelli, riportato anche da “Il Giorno” nei giorni scorsi, "riteniamo che si debba trovare quantomeno una soluzione provvisoria che possa tamponare efficacemente la falla, almeno fino all’auspicato intervento strutturale del comparto che possa invertire definitivamente la poco rassicurante rotta presa dal sistema sanitario. Anche in Valtellina abbiamo diritto ad un’assistenza certa sia per i residenti che per turisti… Da Livigno a Madesimo è necessario che tutti abbiano la possibilità di avere l’assistenza: di pronto soccorso, pediatrica, di medicina di base, etc". Ma la sinistra non le manda a dire: "Il partito di Giorgia Meloni ci prova, ma il gioco delle tre carte per confondere i cittadini non incanta nessuno: Fratelli d’Italia governa ininterrottamente la Regione Lombardia, insieme agli alleati di Lega e Forza Italia da 30 anni oltre ad essere al governo nazionale con la premier – dicono dal Pd provinciale per bocca del segretario Michele Iannotti -. Le responsabilità per il disastro nella gestione della sanità provinciale sono sue quanto di tutto il centrodestra. Non ci si nasconda dietro a un dito, la maggioranza che governa Regione Lombardia da tre decenni non è stata in grado di affrontare il tema della sanità e del welfare con una strategia ed una visione generale dei bisogni, ma solo con interventi spot che hanno portato allo smantellamento della sanità ospedaliera e territoriale della nostra provincia, al depotenziamento della sanità pubblica a favore di quella privata, all’allungamento delle liste di attesa per visite ed esami".