Sondrio, resta bloccato sul Passo Dordona per colpa del navigatore: salvato con motoslitte e quod

L’uomo, di 37 anni, non riusciva a proseguire e le comincazioni via telefono erano difficili. Sono intervenuti il soccorso alpino, la guardia di finanza e i carabinieri

Un mezzo del soccorso alpino (foto di repertorio)
Un mezzo del soccorso alpino (foto di repertorio)

Fusine, 5 gennaio 2024 – Intervento stasera, venerdì 5 gennaio 2024, al confine tra le province di Bergamo e di Sondrio. Un uomo di 37 anni è rimasto bloccato con il proprio mezzo lungo la strada del Passo Dordona, secondo le prime informazioni in seguito a indicazioni errate da parte del navigatore. Non era possibile proseguire, le comunicazioni via telefono erano molto difficili e allora è salito a piedi fino al rifugio Dordona, in territorio comunale di Fusine, dove è riuscito a chiedere aiuto.

La centrale ha attivato le squadre territoriali del Cnsas - Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico, VI Delegazione Orobica e VII Delegazione Valtellina - Valchiavenna, il Sagf - Soccorso alpino Guardia di finanza di Sondrio e i Carabinieri.

I soccorritori sono saliti con le motoslitte e con un mezzo quad; si ringrazia la Società impianti di Foppolo, nella Bergamasca, Akja per avere collaborato nella messa a disposizione di alcuni mezzi. L’uomo è stato raggiunto, valutato e accompagnato a valle, fino a Foppolo, dove c’era l’ambulanza per il trasporto in ospedale. L’intervento è cominciato intorno alle 17 ed è finito in serata, con il rientro delle squadre.