Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
24 feb 2022

Terre d’Oltrepò: Bardone presidente "Obiettivo, pagare di più le uve"

Broni, al vertice del colosso un super manager con una lunga carriera all’Eni. Al suo fianco Bosini

24 feb 2022
pierangela ravizza
Cronaca
L’ingegner Enrico Bardone, 80 anni
L’ingegner Enrico Bardone, 80 anni
L’ingegner Enrico Bardone, 80 anni
L’ingegner Enrico Bardone, 80 anni
L’ingegner Enrico Bardone, 80 anni
L’ingegner Enrico Bardone, 80 anni

di Pierangela Ravizza Un super manager al vertice di Terre d’Oltrepò. Ieri il nuovo cda ha, infatti, eletto presidente l’ingegner Enrico Bardone, 80 anni, casteggiano doc, lunga carriera manageriale alle spalle nel gruppo Eni in cui ha ricoperto anche l’incarico di presidente ed amministratore delegato di Snamprogettibiotecnologie SpA per quasi 15 anni. Titolare di una azienda agricola in località Sgarbina di Casteggio, Bardone era stato già consigliere di Terre d’Oltrepò nel 2016 eletto nella lista unitaria delle varie associazioni di categoria agricole. Era stato socio della Cantina di Casteggio, di cui la famiglia era stata fondatrice, senza mai aver ricoperto, però, ruoli amministrativi. Sarà coadiuvato come vice presidente dal bronese Emilio Bosini, socio storico della cantina di Broni prima e di Terre d’Oltrepò poi (Terre nacque dalla fusione fra Broni e Casteggio), fra i più critici nei confronti della gestione di Andrea Giorgi, ex presidente. Dopo le nomine, la prima riunione esecutiva. "Certo dobbiamo rimboccarci le maniche – afferma il neo presidente Bardone – valutare bene tutte le questioni, ma con un obiettivo primario ovvero lavorare per avere risorse adeguate, cercando di risparmiare sui costi di gestione, per pagare meglio le uve conferite dai produttori, molti dei quali sono in difficoltà". Non sarà semplice perché con un conferimento complessivo di 400-500 mila quintali di uva (dipende dall’annata), anche un aumento medio di pochi euro al quintale avrebbe effetti significativi sul bilancio. Non a caso, il prezzo medio pagato nel 2019, prima della crisi Covid, era stato di 53 euro al quintale, già in calo (4 euro) rispetto al 2018. "Ci sono tante priorità – aggiunge il vice presidente Bosini – ma non così urgenti come temevamo. Per il comitato esecutivo decideremo più avanti dopo una serie di opportune valutazioni". Il nuovo cda rimarrà in carica per tre bilanci e quindi fino all’approvazione ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?