Vigevano, le risse in centro storico: “Dal Comune solo slogan”

L’opposizione va all’attacco della Giunta di centrodestra. La richiesta di presìdi fissi delle forze dell’ordine anche in stazione

Una rissa (Foto archivio)

Una rissa (Foto archivio)

Vigevano (Pavia) –  Far sentire in modo concreto la presenza delle istituzioni sul territorio con l’obiettivo di contenere quei fenomeni, come le risse in centro storico, che vedono in larga parte protagonisti gruppi di giovanissimi. È la richiesta avanzata all’Amministrazione comunale di Vigevano dai gruppi di opposizione: Partito Democratico, Movimento 5 stelle e Polo Laico. Nello specifico la richiesta riguarda l’attivazione di presìdi fissi delle forze dell’ordine nelle ore serali in centro storico; al Pronto soccorso dell’ospedale, dove a breve tornerà attivo il posto fisso della polizia di Stato; alla stazione ferroviaria, altro punto calo della città.

E non è tutto. La minoranza chiede che l’Esecutivo metta a punto un piano di politiche educative e giovanili che coinvolga professionisti, consiglieri comunali e realtà del territorio con lo scopo di studiare gli interventi di educazione di strada e i centri di aggregazione giovanile che possano promuovere la creazione di nuove attività per andare incontro alle esigenze dei giovani, il cui disagio è palpabile. La proposta è raccolta in una mozione che verrà discussa in occasione del prossimo Consiglio comunale.

«Il centrodestra vigevanese non è in grado di trovare soluzioni adatte a risolvere il problema – dicono le forze di opposizione – e andare oltre gli slogan politici. Sono invece necessarie proposte sia di breve sia di medio e lungo periodo per rendere Vigevano viva e sicura. La creazione di servizi e spazi adatti ai più giovani è fondamentale per far crescere i nostri ragazzi in un clima sano».

Dal canto proprio il sindaco Andrea Ceffa si è sempre detto pronto a intervenire in modo deciso sul problema che, nel frattempo, sarà oggetto di un’apposita riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza presieduto dal prefetto Francesca De Carlini, fissata per giovedì.

La scorsa settimana nell’arco di pochi giorni si sono registrate due maxi risse in zone a ridosso di piazza Ducale e altri disordini che hanno visto come protagonisti gruppi di giovani diversi dei quali, poi identificati, sono minorenni.