Omicidio di Mede, i quattro arrestati si difendono: colpito dopo le minacce alla moglie di uno di loro

La pubblica accusa chiede la conferma della carcerazione, la difesa i domiciliari. C’è attesa per la decisione del Gip

I rilievo a Mede
I rilievo a Mede

Mede Lomellina , 15 dicembre 2023 – Si pronuncerà nella giornata di domani il Gip di Pavia, Pasquale Villani, in ordine alle misure cautelari a carico dei quattro cittadini romeni arrestati per l’omicidio di un connazionale, avvenuto martedì sera in via Fratelli Magnani a Mede, non lontano dalla stazione ferroviaria.

I quattro hanno deposto oggi nell’interrogatorio di garanzia fornendo la loro versione dei fatti: tra loro e la vittima ci sarebbe stato un violento alterco ma a far scattare l’omicidio sarebbero state le minacce rivolte alla moglie di uno di essi.

È stato allora che l’uomo, coetaneo della vittima, sarebbe entrato in casa a prendere il coltello e con quello ha vibrato l’unico, fatale colpo alla schiena. Il cadavere è stato poi abbandonato in strada con il coltello ancora piantato nella schiena. Per i suoi assistiti l’avvocato Fabio Santopietro di Vigevano ha chiesto la misura cautelare degli arresti domiciliari mentre la pubblica accusa, rappresentata dal sostituto procuratore della Repubblica Andrea Zanoncelli, ha chiesto la conferma delle detenzione in carcere.