Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
12 apr 2022

Caso Gigi Bici, in campo anche la criminologa Bruzzone

La psicologa forense sarà accanto alla famiglia Criscuolo ed è pronta a dare un volto all'assassino del commerciante 60enne

12 apr 2022
manuela marziani
Cronaca
La nota criminologa Roberta Bruzzone
La nota criminologa Roberta Bruzzone
La nota criminologa Roberta Bruzzone
La nota criminologa Roberta Bruzzone

Cura Carpignano (Pavia), 12 aprile 2022 – La criminologa e psicologa forense Roberta Bruzzone si occuperà dell’omicidio di Luigi Criscuolo, conosciuto come Gigi Bici, scomparso l’8 novembre e ritrovato privo di vita il 20 dicembre davanti al cancello del casale di proprietà di Barbara Pasetti, alla frazione Calignano. Il volto noto della tv, che in passato è stata consulente della difesa di Michele Misseri per il delitto di Avetrana e per altri casi di cronaca nera, fra cui la strage di Erba, sarà accanto alla famiglia Criscuolo che si è affidata all’avvocato Yuri Lissandrin.

“Da oggi ad ogni accertamento o esame irripetibile che verrà effettuato – conferma Roberta Bruzzone – sarò presente e cercherò di fornire alla Procura più elementi possibili per dare un nome e un cognome all’assassino di Luigi Criscuolo”.
Come l’investigatore Ezio Denti, noto per essere stato un consulente di Massimo Bossetti, l'uomo condannato all'ergastolo per l'omicidio di Yara Gambirasio che è arrivato ad affiancare l'avvocato difensore della fisioterapista 40enne, Irene Anrò, insieme ad altri due consulenti, il biologo Pasquale Linarello e l'informatico Mattia Epifani, anche Roberta Bruzzone non ha ancora avuto accesso alle carte delle indagini coperte da segreto istruttorio e attende di avere informazioni dalla Procura.

Per l’omicidio del commerciante 60enne e l’occultamento del suo cadavere, al momento risulta indagata soltanto Barbara Pasetti che si trova in carcere da quasi tre mesi accusata di tentata estorsione. Secondo l’accusa, la donna, quando Gigi Bici era scomparso, avrebbe inviato alla famiglia Criscuolo diverse lettere nelle quali chiedeva fino a 390mila euro in cambio della restituzione del loro congiunto.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?