Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
12 apr 2022

Furbetti della multiservizi: 4 anni e 4 mesi a un dirigente

Accusati di faccende private svolte in orario di lavoro. Due patteggiamenti

12 apr 2022
L’inchiesta “Piazza Pulita“, del maggio 2021, era culminata con sei misure cautelari e perquisizioni nella società Broni-Stradella Pubblica
L’inchiesta “Piazza Pulita“, del maggio 2021, era culminata con sei misure cautelari e perquisizioni nella società Broni-Stradella Pubblica
L’inchiesta “Piazza Pulita“, del maggio 2021, era culminata con sei misure cautelari e perquisizioni nella società Broni-Stradella Pubblica
L’inchiesta “Piazza Pulita“, del maggio 2021, era culminata con sei misure cautelari e perquisizioni nella società Broni-Stradella Pubblica
L’inchiesta “Piazza Pulita“, del maggio 2021, era culminata con sei misure cautelari e perquisizioni nella società Broni-Stradella Pubblica
L’inchiesta “Piazza Pulita“, del maggio 2021, era culminata con sei misure cautelari e perquisizioni nella società Broni-Stradella Pubblica

Durante l’orario di lavoro si sarebbero allontanati per svolgere faccende private (come andare a giocare alle slot o fare ristrutturazioni in case), avrebbero anche rivenduto illegalmente rottami, in un giro illecito di favori e induzioni indebite ai danni della società Broni-Stradella Pubblica, oltre a irregolarità nella gestione dei rifiuti: le posizioni degli indagati, dipendenti dell’azienda, funzionari e imprenditori di altre realtà sono state valutate ieri dal Gip di Pavia Maria Cristina Lapi. L’inchiesta “Piazza Pulita“, era culminata nel maggio 2021 con sei misure cautelari e perquisizioni da parte della Guardia di finanza di Voghera. Ieri Salvatore Chianello, responsabile del servizio di coordinamento del personale della raccolta rifiuti per la Broni Stradella Pubblica, è stato condannato con rito abbreviato a 4 anni e 4 mesi di reclusione.

Ha patteggiato un anno e otto mesi Igor Andolfi mentre Moreno Stefano Raggi ha patteggiato un anno e 4 mesi, la posizione di Mauro Emanuelli è stata stralciata per messa alla prova, sono stati rinviati a giudizio Giuseppe Pugliese, Carmela Giannatempo e Lazzaro Soccio, così come Antonio Condello e Giuseppe Giorgio. Prosciolti per induzione indebita Lucio Giordano e Iulian Nicolae Csakvari, ma Giordano è stato rinviato a giudizio per truffa e Csakvari per peculato. Valerio Garelfi e gli ex funzionari Pierpaolo Mariani e Marco Chiesa sono stati prosciolti dall’accusa di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, ma Garelfi, assistito da Marco Casali, è stato rinviato a giudizio per ricettazione e Chiesa assistito da Daniele Cei è stato rinviato a giudizio per una contestazione ambientale, derubricata dall’accusa iniziale, per la quale Mariani ha invece scelto la conversione della pena in denaro: "Siamo soddisfatti che il giudice abbia accolto le nostre osservazioni, abbiamo sempre sostenuto l’estraneità dell’ingegner Chiesa", ha commentato Cei. Il dibattimento si aprirà il 22 giugno.

Nicoletta Pisanu

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?