Cerca appoggio contro il macchinario. Lesioni gravissime a una mano

Un operaio a Robbio ha subito gravi lesioni alla mano dopo un incidente sul lavoro con una sfogliatrice per legno compensato. Trasportato d'urgenza a Varese, non è in pericolo di vita ma la prognosi è riservata. Indagini in corso.

Cerca appoggio contro il macchinario. Lesioni gravissime a una mano

Cerca appoggio contro il macchinario. Lesioni gravissime a una mano

Un movimento istintivo, cercando di aggrapparsi a qualcosa mentre stava perdendo l’equilibrio, ma che ha avuto conseguenze ben più gravi di quelle che avrebbe provocato la semplice caduta al suolo. La mano si è infatti appoggiata in cerca di sostegno a un macchinario in funzione, una sfogliatrice per legno compensato, con le lame che hanno provocato lesioni gravissime. Questa almeno la prima ricostruzione dell’incidente sul lavoro successo ieri mattina a Robbio, in uno stabilimento in via Novara. L’operaio, 36enne italiano, è stato trasportato con l’elisoccorso in codice giallo all’ospedale Circolo di Varese, centro di riferimento per il servizio di Microchirurgia della mano, specializzato proprio nella ricostruzione dei tendini lesionati da simili traumi. Non è in pericolo di vita, ma le conseguenze alla mano sono state gravissime e la prognosi dipenderà dalla valutazione clinica della ferita. Un infortunio sul lavoro, per il quale ieri mattina, poco dopo le 7, nello stabilimento della ditta dove vengono eseguite lavorazioni di legno compensato, oltre ai soccorsi sanitari di Areu, con ambulanza, auto medica e l’elicottero fatto decollare da Milano che ha poi portato il ferito a Varese, sono intervenuti anche i carabinieri della Compagnia di Vigevano e il personale di Ats Pavia, competente proprio per gli incidenti sui luoghi di lavoro.

Gli accertamenti sulla dinamica dell’accaduto sono ancora in corso, ma dalla prima ricostruzione l’operaio non stava lavorando al macchinario dal quale è stato ferito, ma passandoci a fianco sarebbe forse scivolato, con la mano che è accidentalmente finita proprio sulle lame della sfogliatrice.

Stefano Zanette