Quotidiano Nazionale logo
16 apr 2022

Caccia alle uova di Pasqua per i diritti dei disabili

L’obiettivo è sensibilizzare i partecipanti sui troppi ostacoli disseminati nella città

"Abbiamo deciso di nascondere le uova perché spesso i diritti delle persone con disabilità vengono nascosti e risultano essere fragili proprio come le uova. Cerchiamo quindi le uova per continuare a difendere i diversi diritti delle persone con disabilità". Il presidente della sezione pavese della Uildm, Fabio Pirastu, spiega così l’iniziativa che l’associazione ha deciso di organizzare in occasione della Pasqua.

L’Unione italiana lotta alla distrofia muscolare, infatti, è stata fondata con l’obiettivo di sostenere la ricerca scientifica per curare le malattie neuromuscolari degenerative. Offre assistenza e accompagnamento con mezzi attrezzati per il trasporto di persone su sedia a rotelle, un laboratorio teatrale inclusivo rivolto soprattutto agli adolescenti e attività sportive per persone con disabilità.

Da sempre la Uildm si occupa della promozione di una cultura dell’inclusione e dell’autonomia negli istituti scolastici. Ma i problemi da risolvere sono ancora tanti. Dalle auto parcheggiate sui marciapiedi, che non permettono a chi si sposta in carrozzella di muoversi agevolmente, ai diritti calpestati. Per aiutare la riflessione, fino a domani si può partecipare a un contest. L’Unione italiana lotta alla distrofia muscolare ha nascosto per la città uova colorate, ha scelto alcuni dei luoghi più importanti che si possono riferire ad articoli della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità.

L’obiettivo è rendere i partecipanti consapevoli di alcuni dei diritti delle persone con disabilità su cui spesso non ci si sofferma. Chi troverà un uovo, dovrà scattare una fotografia e taggare la Uildm Pavia sui social con l’hastag #leUovadiUilmPavia. Potrà tenersi l’uovo trovato e quando avrà scattato dieci foto dovrà contattare Uildm Pavia via mail (info@uildmpavi.it) per ritirare il premio. "L’obiettivo di questo evento – sottolinea il presidente Pirastu – è rendere i partecipanti consapevoli di alcuni dei diritti delle persone con disabilità". Diritti che spesso chi non ha particolari difficoltà si dimentica esistano e vadano rispettati.

M.M.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?