Usmate nella morsa del traffico . Cinque milioni di veicoli l’anno aspettando l’arrivo di Pedemontana

Preoccupazione per il futuro del borgo alle porte di Monza, dove si incontreranno la tratta C e la D breve

Usmate nella morsa del traffico . Cinque milioni di veicoli l’anno aspettando l’arrivo di Pedemontana

Usmate nella morsa del traffico . Cinque milioni di veicoli l’anno aspettando l’arrivo di Pedemontana

Cinque milioni di veicoli in circolazione sul territorio in un anno, 13mila 700 al giorno, 70mila quelli controllati, 920 multe: è la fotografia del traffico scattata dalla polizia locale a Usmate Velate, prima dell’arrivo di Pedemontana. Il borgo alle porte di Monza, dove due pezzi di tracciato della nuova autostrada si incontreranno, la tratta C e la D breve, è già un nodo essenziale della rete viabilistica del Vimercatese, ultima uscita della Tangenziale Est. La conferma arriva dai numeri. Garantire sicurezza alla comunità e all’enorme mole di mezzi in transito si è tradotto in più di 4mila ore in servizio degli agenti. Ad aiutare il corpo anche i box di contenimento, rilevatori fissi di velocità che disincentivano a spingere sull’acceleratore (e quindi a inquinare), in servizio da fine ottobre con importanti risultati: le contravvenzioni sono state 27 su 2mila mezzi ’adocchiati’. "Solo l’1% – dice il Comune –. Un altro intervento per la tutela stradale". Obiettivo che trova riscontro nel totale degli incidenti, 33 nel complesso nel 2023. Ai quali si sommano 6 mezzi abbandonati recuperati, altri 3 rubati e ritrovati su oltre 53 controllati perché sospetti. Oltre 380 le richieste di collaborazione ricevute da forze dell’ordine, o di accesso alla videosorveglianza per la verifica di passaggi al centro di indagini. Un’attività estesa a 20 accertamenti ambientali, 10 sopralluoghi edilizi, 6 in case popolari e 48 in cantieri stradali, in 4 casi dei quali sono state rilevate irregolarità. Quattordici le verifiche su attività commerciali, una sola violazione, 3 gli interventi per infortunio sul lavoro. I vigili hanno anche informato la Procura di 14 reati consumati all’interno delle mura e denunciato 5 persone, mentre un fermo è stato disposto per l’identificazione di stranieri. Nel bilancio non mancano 145 notifiche e 436 accertamenti di residenza. "Un lavoro per prevenire, non sanzionare – dice Pasquale De Sena (in foto), assessore alla Sicurezza -. In media gli agenti sono stati sul campo 11 ore al giorno, sabati e festivi compresi. Anche grazie a loro possiamo sentirci tutti più sicuri".