Un affare da 500 milioni di euro, Aeb mostra i dati dopo la fusione

Approvato il piano industriale nell’imminenza dell’udienza penale sulla fusione con A2A

Un affare da 500mila euro . Aeb mostra i dati dopo la fusione

Un affare da 500mila euro . Aeb mostra i dati dopo la fusione

È stata l’operazione industriale più criticata in Brianza negli ultimi anni e, oltretutto, quella che ha coinvolto il maggior numero di Comuni. La seregnese Aeb, dopo essere entrata nel gruppo A2A, ora mostra i dati per dimostrare la convenienza dell’aggregazione industriale: nei prossimi 12 anni investirà mezzo miliardo di euro per sostenere la transizione energetica ed ecologica della Brianza. Numeri inseriti nel piano industriale appena approvato dal consiglio di amministrazione. Proprio nell’imminenza dell’udienza penale che vede sul banco degli imputati il sindaco seregnese Alberto Rossi (sarà la prima settimana dopo Pasqua) con l’assessore Giuseppe Borgonovo, dalla parte aziendale si sottolinea almeno la convenienza dell’operazione.

"Aeb - afferma il presidente Massimiliano Riva - rappresenta un modello virtuoso di collaborazione tra settore pubblico e settore privato. Abbiamo presentato un piano strategico ambizioso che, grazie alla partnership con A2A, siamo convinti di poter realizzare a beneficio dei soci e dei cittadini. Un piano capace di generare valore per il territorio, accompagnando la Brianza nella transizione energetica. Aeb è un player nazionale nello sviluppo di fonti rinnovabili ed è tra i leader italiani dell’illuminazione pubblica oltre che nella gestione ambientale del ciclo dei rifiuti. Continueremo a investire sul territorio perché solo con infrastrutture moderne e innovative la Brianza può vincere la sfida della sostenibilità". A sottolineare la convenienza dell’operazione e i benefici per il territorio ci pensa anche l’amministratore delegato Lorenzo Spadoni: "I numeri del nuovo piano confermano la solidità di Aeb e la bontà della partnership industriale con A2A. Il piano guarda al 2035, un orizzonte allineato a quello delle sfide europee per la decarbonizzazione. Dei 500 milioni di investimenti previsti, il 60% ricadrà direttamente sulla Brianza.

Il resto, che consente ad Aeb di diventare un player di rilievo nazionale nella sostenibilità, genererà valore per i Comuni azionisti. Il piano prevede anche una crescita costante del gruppo. Saranno distribuiti dividendi per 180 milioni di euro". Un corposo investimento sarà realizzato nel settore delle reti, con interventi sulle cabine dell’energia elettrica di Seregno. L’intera rete di distribuzione cittadina sarà digitalizzata e potenziata con la posa di contatori elettronici di seconda generazione. Ulteriori lavori anche per l’efficientamento delle reti gas. In crescita, infine, le attività di A2A Illuminazione Pubblica.