Quotidiano Nazionale logo
9 feb 2022

Tutti negativi ma in Dad Colpa di 5 aule inagibili

Al Parini di Seregno spazi transennati da un mese dagli uffici comunali. I problemi del preside: 22 classi a rotazione, si usa anche l’aula magna

gualfrido galimberti
Cronaca
Il dirigente scolastico Gianni Trezzi aspetta l’avvio dei lavori
Il dirigente scolastico Gianni Trezzi aspetta l’avvio dei lavori
Il dirigente scolastico Gianni Trezzi aspetta l’avvio dei lavori

di Gualfrido Galimberti Superare l’emergenza Covid non basta: al liceo Parini la prospettiva è quella di doversi abituare ancora per qualche tempo alle lezioni in modalità Dad, ovvero con didattica a distanza. Perché qui si somma un secondo problema, che non è sanitario, ma comporta comunque dei rischi: occorre intervenire sulle controsoffittature di alcuni servizi e di cinque aule, perché sono a rischio crollo. "Abbiamo cinque classi a casa – conferma Gianni Trezzi, il dirigente scolastico –. Non si tratta sempre degli stessi ragazzi, abbiamo fatto la scelta di una didattica a distanza a rotazione perché non venissero penalizzate oltremodo alcune classi. È però vero che i ragazzi iniziano a mostrare segni di insofferenza e, personalmente, li comprendo. Proprio nel momento in cui vengono meno le limitazioni per il Covid, qui si rischia lo stesso di fare lezione a casa davanti al computer. La soluzione della rotazione delle classi si è rivelata efficace: tutte sono state chiamate a fare un piccolo sacrificio". La situazione, tuttavia, perdura dal 10 gennaio, giorno in cui la scuola ha spalancato di nuovo le sue porte per accogliere gli studenti. Durante le festività natalizie si è registrata la caduta di alcuni calcinacci nella scuola media che condivide lo stesso immobile con il Parini". Di qui la scelta dell’amministrazione comunale di estendere i controlli a tutto l’edificio. Il responso è stato chiaro: meglio interdire l’accesso a cinque classi in attesa dei lavori di messa in sicurezza. "Mi sento di ringraziare l’amministrazione comunale – afferma Trezzi – perché a fronte di un problema riscontrato in uno spazio che non è nella nostra disponibilità, ha avuto l’accortezza di estendere i controlli a tutto l’edificio. Sono però dispiaciuto dai tempi di attesa, dalla burocrazia. Mi era stato detto che i lavori sarebbero iniziati lunedì 7 febbraio, ma poi tutto è ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?