Quotidiano Nazionale logo
16 feb 2022

Perseguitava una coppia con insulti e minacce online

Alla sbarra una 34enne monzese accusata di stalking e falso ideologico. Per l’accusa avrebbe creato account dall’estero che poi si autoeliminavano

stefania totaro
Cronaca
La maestra veniva descritta. sui social e nelle mail alla scuola come una pedofila
La maestra veniva descritta. sui social e nelle mail alla scuola come una pedofila
La maestra veniva descritta. sui social e nelle mail alla scuola come una pedofila

di Stefania Totaro "Arrivavano email alla scuola dove insegnavo o post da profili social in cui venivo descritta come una pedofila che palpeggiava i bambini e dovevo continuamente dare spiegazioni sul fatto che ero vittima di un hacker. Poi anche minacce di morte di cui venivano informati i miei figli e i parenti. Finché io e il mio compagno abbiamo iniziato a sentirci seguiti perché arrivavano descrizioni di persone che avevamo veramente incontrato". Un incubo durato dal marzo del 2018 all’ottobre del 2020 per una coppia di Brugherio, che ora si è costituita parte civile al processo al Tribunale di Monza che vede una monzese di 34 anni che lavora come edicolante in una rivendita di giornali imputata di stalking. Ieri il dibattimento è entrato nel vivo con la testimonianza della donna presunta vittima degli atti persecutori. "I messaggi erano quotidiani - ha spiegato - quando abbiamo presentato la denuncia l’ho incontrata per la prima volta per strada e mi ha accusata di diffamazione. Ero impietrita". Erano stati i carabinieri di Brugherio ad identificare il misterioso persecutore. Due anni prima sono cominciate ad arrivare all’uomo delle strane email, sempre con mittente criptato, dal contenuto diffamatorio e offensivo. L’asticella si è presto innalzata sia nei contenuti, sempre più osceni e denigratori, sia nei destinatari, raggiungendo prima la sua compagna e poi anche i colleghi di lavoro di entrambi. I militari sono risaliti alla 34enne monzese, nei cui confronti il Tribunale di Monza ha emesso la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla coppia, a cui avrebbe riservato pure l’invio di fotomontaggi sessualmente espliciti anche con la presenza di animali. Secondo l’accusa, la donna utilizzava un sofisticato sistema di creazione di account dall’estero che poi si autoeliminavano immediatamente, ma l’imputata nega l’accusa e la sua difesa sostiene che non è possibile dimostrare che ci fosse ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?