A Natale adotta una barbatella. Questo il regalo particolare che la Fondazione Alessio Tavecchio invita a portare sotto l’albero. Sarà possibile adottare una pianta di vite di uva Barbera in attesa, il prossimo anno, di avere la prima vendemmia "made in Monza", dopo 150 anni di "astinenza". La Fondazione Tavecchio, grazie al vigneto donato dal Gruppo Meregalli che è presente nell’agriparco solidale di via Papini, si è messa a produrre il vino. Per sostenere le attività del sodalizio fondato dal monzese Alessio Tavecchio è possibile adottare per un anno una barbatella, ma anche acquistare bottiglie di vino prodotte con l’uva "cugina" in anteprima assoluta. Il ricavato delle donazioni servirà a sostenere il progetto ecosolidale e le attività di "Accolti e Raccolti": un progetto inclusivo di eccellenza a livello regionale. L’Agriparco sorge su un terreno di 12.000 mq di proprietà della Fondazione di cui: 4.000 di orto, 3.000 di bosco, 1.000 destinati a vigneto, 800 di passerella accessibile con cassoni rialzati per la coltivazione, 2.000 adibiti a giardino.