L’Avis dei veterinari. La banca del sangue in cerca di cani donatori

L’appello dell’associazione Confido in Brugherio come originale regalo di Natale "Servono animali che in caso di emergenze possano aiutare i propri simili".

L’Avis dei veterinari. La banca del sangue in cerca di cani donatori
L’Avis dei veterinari. La banca del sangue in cerca di cani donatori

Per le feste di Natale perché non regalare una sacca di sangue a un cane che lotta tra la vita e la morte, o che deve essere sottoposto a un intervento chirurgico particolarmente rischioso? La proposta arriva da Confido in Brugherio, l’associazione culturale cinofila che ha creato una sorta di database con i gruppi sanguigni dei nostri amici a 4 zampe (si tratta di cani che pesano almeno 25 chili). Il progetto del “Cane donatore“ – avviato nel 2019 – ad oggi conta la presenza di 13 animali donatori. Cani che in caso di emergenza, oppure in caso di intervento programmato, donano il loro sangue gratuitamente. Un gesto che in molti casi si dimostra essere salvavita. Un progetto unico nel suo genere, con il sogno dell’associazione di poterlo diffondere anche in altri territori. L’associazione - guidata da Pino Diliddo - ha visto la creazione di un vero e proprio team di cani donatori. "Quest’anno sono state effettuate cinque donazioni – spiega Diliddo –. Nei prossimi mesi organizzeremo una campagna di ‘reclutamento’, per arruolare nuovi cani donatori. Un gesto di grande solidarietà". Una sensibilità che in molti casi è già presente nel proprietario del cane, "molti sono a loro volta già donatori di sangue". Quello del cane donatore è un progetto per cui medici veterinari e proprietari concorrono a costruire una rete organizzata attraverso la quale i pazienti a quattro zampe hanno l’opportunità di accedere ad una trasfusione di sangue in tempi rapidissimi. Trovare una sacca di sangue non è poi così semplice, né economico. Infatti, come precisano dall’associazione, una singola sacca di sangue può costare tra i 250 e i 300 euro e soprattutto non sempre si reperisce immediatamente.

E in caso di emergenza il tempo fa la differenza. Un’attività che viene svolta assolutamente senza scopo di lucro. "In caso di emergenza il cane donatore viene portato nella clinica veterinaria dove viene effettuato il prelievo e quindi poi la trasfusione per il cane che ha necessità. Naturalmente la quantità di sangue varia a seconda anche della taglia del cane". Un progetto che, vista l’importanza della tempestività di intervento, ad oggi riguarda Brugherio e i comuni limitrofi. Non tutti i cani sono idonei per diventare cani donatori. Il via libera arriva per quelli che pesano almeno 25 chili, hanno tra i 2 e gli 8 anni e godono di buona salute, oltre ad avere una buona disponibilità psicologica e inclinazione alla collaborazione. Un cane può donare il sangue una volta ogni 6 mesi. Tutte le informazioni per sostenere il progetto sul sito www.confidoinbrugherio.it.