Quotidiano Nazionale logo
7 feb 2022

L’appello: “Portiamo Julio all’università”

Mamma Helga con il figlio Julio che ha superato le selezioni per entrare al Naba, la Nuova accademia di belle arti a Milano
Mamma Helga con il figlio Julio che ha superato le selezioni per entrare al Naba, la Nuova accademia di belle arti a Milano
Mamma Helga con il figlio Julio che ha superato le selezioni per entrare al Naba, la Nuova accademia di belle arti a Milano

Julio è un ragazzo speciale. Innamorato della vita e della scuola, nel suo futuro si vede immerso nel mondo della moda. Tanto da avere superato brillantemente le rigidissime selezioni per entrare al Naba, la Nuova accademia di belle arti a Milano. Un’accademia riconosciuta dal Miur cui ogni anno accedono meno di 30 matricole. I candidati provengono da tutta Italia e quando Julio ha ricevuto la lettera di ammissione al prossimo anno accademico era al settimo cielo. Ma il suo sogno potrebbe infrangersi ancor prima di cominciare. Julio infatti è un ragazzo invalido al 100%: per accedere ha bisogno di essere affiancato da una persona (amico, familiare, educatore) che lo aiuti. Trattandosi di un’invalidità il Servizio sociale invalidi “dimette” il ragazzo perché l’università non è prevista in un sistema in cui chi è invalido possa usufruire della Legge 68 (categorie protette, ndr). A questo punto mamma Helga, che insegna in una scuola media di Monza, ha deciso di lanciare una raccolta fondi on line (Portiamo Julio all’Università) per pagare il tutor che affiancherà Julio, che nel frattempo è impegnato nella preparazione dell’esame di maturità all’Istituto tecnico di grafica e di comunicazione di Lissone. "Sono pronta a tutto per aiutare mio figlio a realizzare il suo sogno - racconta -. Sono una ragazza madre e non ho parenti o amici che possono aiutarmi. Né posso utilizzare il mio stipendio da insegnante per pagare il tutor che dovrebbe seguire Julio in accademia per 25 ore alla settimana, o licenziarmi per fare io da tutore. Il Naba, infatti, prevede obbligo di frequenza dal lunedì al venerdì". Helga non si arrende. "Julio è un ragazzo straordinario, dotato di una spiccata intelligenza, soprattutto una straordinaria capacità espressiva. Ha una disabilità sensoriale (ha una capacità visiva di 110 e un impianto bionico per l’udito, ndr), studia con ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?