ALESSANDRO CRISAFULLI
Cronaca

La grande festa di Desio . Hanno ben 180 anni e un fisico da rockstar. Lunga vita alle campane

Nate per risuonare dall’alto della basilica dei Santi Siro e Materno in piazza Conciliazione vantano tre incisioni discografiche e una fama mondiale ottenuta grazie alle missioni.

La grande festa di Desio . Hanno ben 180 anni  e un fisico da rockstar. Lunga vita alle campane

La grande festa di Desio . Hanno ben 180 anni e un fisico da rockstar. Lunga vita alle campane

Un giorno di festa per Desio e i desiani, ma anche per tutti gli appassionati del genere. Per celebrare uno dei fiori all’occhiello della città, insieme a Villa Tittoni Traversi e al Museo di Pio XI: le storiche campane della basilica dei Santi Siro e Materno, il cui suono è rinomato tra gli appassionati di tutta Italia e ha raggiunto nel tempo, attraverso vari cd, diversi Paesi del mondo, grazie alle missioni. Tra gli addetti ai lavori sono considerate infatti delle vere e proprie celebrità: ogni campana ha una propria nota e tonalità che si raccorda con quella delle altre.

Domani si festeggerà il 180esimo anniversario della fusione delle otto campane in LA bemolle maggiore che svettano su piazza Conciliazione. Un evento promosso dal Gruppo Campanari di Desio, con il patrocinio del Comune e della Federazione Nazionale Suonatori di Campane, oltre che con la collaborazione della Pastorale.

L’intera giornata avrà come epicentro la piazza principale della città. Si comincerà alle 9.30, quando si potrà assistere alle suonate manuali dei campanari sia con le campane della basilica che con una incastellatura dimostrativa posizionata per l’occasione nella piazza composta da dieci campane, sopra un apposito furgone. Nello stesso momento aprirà la mostra fotografica sulle campane a cura del Circolo Fotografico Desiano, intitolata “Le campane cittadine e la nobile arte campanaria“, con decine di scatti che ripercorrono la nascita e l’evoluzione di queste vere e proprie opere d’arte, che hanno avuto una storia quanto mai travagliata e affascinante nel corso di ben tre secoli. "I cittadini potranno visitare la torre campanaria e il suo museo interno sull’arte campanaria desiana, arrivando fino alla cella campanaria per vedere il panorama e le campane da vicino", spiega Marvin Corno, responsabile del Gruppo Campanari, che con grande determinazione tramanda "vita, morte e miracoli" del campanile.

Le visite termineranno alle 11 per proseguire dalle 15.30 alle 17.30 in concomitanza con i concerti in piazza suonati dai campanari desiani e da altri gruppi di campanari che accorreranno appositamente a omaggiare i gioielli brianzoli. "Arriveranno diversi gruppi dalla Lombardia, in particolare da Bergamo e provincia, dove la tradizione campanaria è molto forte", aggiunge Corno. Alle 13, presso l’oratorio centrale Oratorio Beata Vergine Immacolata, via Pozzo Antico, è previsto il saluto delle autorità cittadine. Non mancheranno anche delle premiazioni. Alle 17.30 il gran finale e l’arrivederci alle future celebrazioni.

"Invitiamo tutti i desiani a partecipare perché crediamo che sia una bella occasione di festa per stare insieme, scoprire o riscoprire le nostre campane e godersi il loro suono", dicono gli organizzatori. Colazione e pranzo si svolgeranno presso il centro parrocchiale e l’oratorio Beata Vergine Immacolata: altri momenti di convivialità per rendere ancora più ricca la giornata.