Cristina Bertolini
Cronaca

Monza, enorme discarica abusiva alla rotonda verso Cinisello. Il Comune: “Metteremo le telecamere”

Il problema è stato segnalato da due Gev: “Non possiamo intervenire, ma abbiamo fotografato i colpevoli”

Taniche di vernici oli esausti forse anche amianto pneumatici e sacchetti di rifiuti vari in via Edison

Taniche di vernici oli esausti forse anche amianto pneumatici e sacchetti di rifiuti vari in via Edison

Monza – Un’enorme discarica abusiva persiste alla rotonda verso Cinisello, tra via Edison di Monza e via Ciro Menotti a Cinisello, dietro il centro giardinaggio di San Fruttuoso. A segnalarlo con rammarico e senso di impotenza Giovanni e Albino, due Guardie ecologiche volontarie dell’area metropolitana di Milano. "Da mesi è pieno di immondizia - racconta Giovanni - è un vero disastro ambientale tra taniche di vernici, olii esausti, forse anche amianto, gomme di auto e sacchetti di rifiuti di ogni tipo. Noi ci passiamo spesso per fare i controlli e l’altro giorno abbiamo visto un furgone che si è fermato e ha scaricato delle taniche di vernice e pennelli. Non possiamo fare niente perché è territorio di Monza su cui, come Gev di Milano area metropolitana, non abbiamo poteri, ma abbiamo filmato la targa e segnaleremo alle amministrazioni".

Ad oggi lo scarico abusivo è reato, sia quando viene compiuto da privati, sia da aziende. Si dice preoccupato e amareggiato Albino, come Gev e come cittadino: "Ci siamo rivolti alla polizia locale di Cinisello, che ha fatto osservare che la competenza in quel fazzoletto di terra è del Comune di Monza, con cui però come nucleo Gev area metropolitana non possiamo interloquire. Bisognerebbe mettere una videocamera di sorveglianza, con fototrappola - suggeriscono i due volontari - anche solo il cartello farebbe da deterrente. Sappiamo che l’assessorato all’ecologia aveva già fatto ripulire l’area, ma non basta. Per noi è deprimente, perché dedichiamo del tempo per la comunità". E se le Gev metropolitane non hanno possibilità di interloquire con l’assessorato all’ecologia di Monza per ragioni territoriali, lo abbiamo fatto noi.

"È tutto vero - ammette l’assessora all’ecologia Giada Turato - quell’area è di competenza di Monza: come pulisci, tornano a scaricare di tutto. Per questo, senza attendere il programma di digitalizzazione a tappeto previsto per la città, abbiamo già acquistato due videocamere che verranno collegate con la polizia locale: una per l’area Monza/Cinisello e l’altra per Sant’Albino via dell’Offelera che da decenni diventa discarica abusiva. Lì non si può aspettare. Da quando l’ abbiamo messa a Cantalupo, è stata risolutiva".

Occorreranno 60 giorni per la fornitura, d’accordo con l’amministrazione di Cinisello che ha autorizzato l’uso dei pali per il posizionamento. Intanto, a detta dell’assessore, il servizio di nettezza urbana ha pulito pochi giorni fa. Ma se veramente ci fosse anche dell’amianto la rimozione costerebbe migliaia di euro, un grave danno per la collettività. Più critici i due operatori delle Guardie ecologiche: "In realtà era stato pulito tempo fa. Noi passiamo spesso ed è evidente che il problema è tornato".