"Innovazione e alta specializzazione, qui un concentrato di eccellenze"

Il tessuto imprenditoriale di Monza e Brianza, elogiato da Assolombarda, ha dimostrato crescita post-pandemia. Per sbloccare il potenziale, sono necessari migliori collegamenti e strategie di sviluppo.

"Innovazione e alta specializzazione, qui un concentrato di eccellenze"

"Innovazione e alta specializzazione, qui un concentrato di eccellenze"

"La forza del tessuto imprenditoriale di Monza e Brianza rappresenta un valore per l’intero Paese. In quest’area si concentrano numerose eccellenze, simbolo del Made in Italy di successo nel mondo, che investono nella tecnologia, nell’innovazione valorizzando la tradizione". Alessandro Spada, presidente di Assolombarda, ha avuto parole di elogio per la Brianza che, dopo la pandemia, "è riuscito a crescere in modo robusto, riducendo notevolmente il tasso di disoccupazione e aumentando esportazioni e produttività. Questi importanti risultati possono essere ulteriormente rafforzati. È necessario però migliorare le infrastrutture per collegare il territorio est-ovest e verso Milano". Il presidente Spada ha spiegato l’importanza strategica di questi collegamenti: "Sfruttando i propri punti di forza all’interno della crescente integrazione con Milano, la provincia di Monza e Brianza può liberare ancora di più il suo immenso potenziale. L’obiettivo è quello di costruire uno sviluppo solido per il territorio. Servono visione lungimirante e pianificazione strategica. L’impegno verso l’innovazione, la sostenibilità e l’integrazione territoriale sarà la base su cui costruire il futuro di Monza e Brianza". Insomma, con il progetto “Monza Brianza 2050“ è stata scattata una fotografia dettagliata sui punti di forza e di debolezza del territorio, "ora, però – il monito di Gianni Caimi, presidente della sede monzese di Assolombarda – si deve passare dall’analisi alla individuazione concreta delle strategie".

G.G.