Aicurzio, incendio alla Cabas: brucia la batteria del fotovoltaico

Fiamme dall’accumulatore dell’inverter. Otto mezzi dei vigili del fuoco che limitano i danni. Nessun ferito

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco (archivio)

(DIRE) Roma, 17 nov. - Nella giornata di ieri un vasto incendio in una discarica di Ardea ha tenuto impegnati per ore i vigili del fuoco di Pomezia, intervenuti dalle 14.40 circa fino a notte inoltrata con l'ausilio di 2 autobotti e il Nucleo. La discarica, di notevoli dimensioni, conteneva diversi tipi di materiali e rifiuti di tutti i generi. Sul posto i Carabinieri. La sala operativa del Comando di Roma ha dovuto far fronte a diversi interventi tra la sera del 16 e il 17 novembre, in particolare per la ricerca di una persona che si era persa all'interno del bosco a Nettuno in Via Acciarella, con l'intervento iniziato alle ore 18.30 di ieri con la squadra di Anzio e il supporto dei nuclei speciali TAS - SAF e l'utilizzo dei droni. L'uomo è stato poi ritrovato in buone condizioni verso le 2. Sul posto i Carabinieri e il 118. Infine, dalle 22 fino a oltre mezzanotte, in via dell'Archeologia altezza civico 74 due Squadre sono intervenute con l'ausilio di una autobotte e del carro autoprotettori per l'incendio di 7 autovetture: il pronto intervento del personale dei vigili del fuoco ha evitato che l'incendio si propagasse ad un appartamento al primo piano, di cui sono andate a fuoco le tapparelle. Sul posto la Polizia di Stato. (Com/Red/ Dire) 09:26 17-11-2

Aicurzio (Monza), 17 marzo 2024 - Incendio sul tetto di un capannone industriale ad Aicurzio nel pomeriggio di oggi. Alla sede della Cabas, azienda specializzata nella stampa di etichette su film plastico, a prendere fuoco è stato l’accumulatore di un pannello fotovoltaico. L’incendio del materiale elettrico ha richiesto l’intervento di diverse squadre di vigili del fuoco dal comando di Monza.

I soccorsi

Otto in tutto i mezzi coinvolti, fra ci anche gli esperti del Nucleo batteriologico chimico. In supporto in via per Cascina Restelli anche un carro schiuma da Milano, adatto all’estinzione di incendi provocati da materiale che non può essere spento con l’acqua, come appunto gli inverter del sistema fotovoltaico.

Le cause

Fortunatamente la tempestività dell’intervento dei soccorsi ha evitato che l’incendio si espandesse oltre la batteria verso il tetto del capannone e verso l’area produttiva che contiene plastica e materiale infiammabile. Un rischio sventato. Ancora tutte da valutare le cause delle fiamme che potrebbero essere state generate da un anomalo surriscaldamento.