FABIO LUONGO
Cronaca

Adriano Cassino, il tabaccaio con la vena da Archimede: "Le mie invenzioni contro gli sprechi"

Dalla medicina alla cucina: il lissonese Adriano Cassino brevetta "dispositivi utili"

Adriano Cassina, tabaccaio inventore

Adriano Cassina, tabaccaio inventore

Lissone (Monza Brianza), 3 ottobre 2023 – La passione di capire come sono fatte le cose e come funzionano ce l’ha fin da piccolo, tanto che già alle elementari lui, nel tempo libero, smontava radio e altri apparecchi per guardarci dentro. Così manualità e voglia di creare si sono incontrate e hanno nutrito l’inventiva di questo 48enne lissonese, che nella vita di tutti i giorni lavora nella tabaccheria di famiglia, in città, ma appena può si dedica a ideare nuove invenzioni, capaci di unire praticità, utilità e semplicità. È in questo modo che Adriano Cassina ha messo al mondo diversi brevetti, tutti depositati. L’ultimo nato è un particolare contagocce, adoperabile su qualunque contenitore a pressione, che promette di evitare i classici sprechi causati solitamente da questo tipo di flaconi, bottiglie, in cui la parte finale del liquido resta sempre sul fondo, non pescabile.

"Da tempo mi dedico a ideare brevetti e poi a lanciarli sul mercato – racconta Cassina –. Al momento ho in deposito il brevetto di una cosa molto utile: un contagocce anti sprechi. Ho già depositato tutta la documentazione". Non solo non lascia avanzi, ma "è riciclabile, universale e adattabile a qualsiasi contenitore a pressione o flacone: può essere usato per i medicinali come per l’olio. Ora in particolare sto cercando di contattare aziende faramaceutiche per sottoporlo a loro". "Si tratta di un rubinettino contagocce, figlio dell’idea che dobbiamo utilizzare al meglio quello che abbiamo, senza inutili sprechi, anche perché sprecando inquiniamo pure", chiarisce. "Lo spunto – prosegue Cassina – è venuto parlando con persone che conosco e da questa mia passione di capire come funzionano le cose. Per questa mia passione a 8 anni smontavo le radio, per vedere come erano fatte. Ogni invenzione nasce per me ragionando su problemi concreti e quotidiani, grazie a tanta manualità, passione pratica e voglia di creare. Di idee ce ne sono tante, la parte più complessa è entrare in contatto con aziende che le mettano in produzione. In passato ho inventato anche un cacciavite a pressione in cui basta schiacciare dalla parte del manico e il bastoncino ruota, senza necessità di forza del polso".