Il ricordo delle vittime del Covid: "Cinquemila morti solo in Brianza"

Il sindaco Pilotto davanti alla stele del cimitero con un pensiero al dottor Oscar Ros, ucciso dal virus sul campo

Il ricordo delle vittime del Covid: "Cinquemila morti solo in Brianza"

Il sindaco ha deposto un mazzo di fiori di fronte alla stele che al cimitero commemora le vittime del Covid

"Un dovere ricordare l’impegno e il sacrificio di chi era in prima linea". Il sindaco di Monza Paolo Pilotto ha accompagnato con queste parole il mazzo di fiori deposto di fronte alla stele desposta nel dicembre del 2020 al cimitero di Monza per commemorare le vittime cittadine del Covid. Quell’inverno vide la seconda ondata della pandemia avere proprio la Brianza e il Milanese come epicentri. Ieri mattina, in occasione della quarta Giornata nazionale in memoria delle vittime del Coronavirus, l’Amministrazione comunale ha voluto pertanto dare vita a una breve cerimonia civile al cimitero urbano, commemorando i caduti cittadini. Il sindaco Pilotto, oltre che sulle vittime civili, ha voluto porre l’attenzione anche su quanti - medici, sanitari e volontari - hanno perso la vita in prima linea durante la fase più acute della pandemia. "L’elenco di vite spezzate resta indelebile nella memoria e negli affetti di ciascuno – ha detto il primo cittadino –. Il dovere della memoria è rivolto anche ai sanitari e ai volontari che furono impegnati nell’emergenza, con un pensiero particolare al dottor Oscar Ros, insignito nel 2020 del premio Giovannino d’Oro alla Memoria: il medico monzese, villasantese di adozione, aveva contratto il virus che ne provocò la morte il 20 aprile 2020, mentre si adoperava giorno e notte per garantire la sicurezza dei pazienti, dei suoi colleghi medici e di tutto il personale dell’Ospedale di Vimercate". In tutto, nel triennio 2020-2022, sono state quantificate quasi 5mila vittime da Covid nella provincia di Monza e Brianza.

La stele, posta all’ingresso del cimitero davanti a una grande pianta di ulivo che rappresenta la memoria viva di tanta sofferenza, riporta la seguente iscrizione: "La città di Monza ricorda i suoi concittadini vittime del Coronavirus, la pandemia che ha colpito il nostro paese nell’anno 2020. Questo ulivo ne sia per sempre memoria viva soprattutto per coloro che non hanno potuto abbracciare i propri cari nell’ultima ora". Al dolore delle scomparse infatti, si aggiunse quello indicibile della mancanza di vicinanza alle proprie persone care nel momento più difficile.