FABIO LUONGO
Cronaca

I dipinti della nuova Brianza. Filippi, Casiraghy e i Biassonesi

Tre mostre con le opere di alcuni degli artisti contemporanei di maggior fascino del territorio

I dipinti della nuova Brianza. Filippi, Casiraghy e i Biassonesi

I dipinti della nuova Brianza. Filippi, Casiraghy e i Biassonesi

Un viaggio tra i dipinti e le sculture di grandi artisti del territorio brianzolo. Un’immersione tra opere pittoriche a tecnica mista in bilico fra sogno e realtà, o tra sculture e tele che lavorano con le linee, le forme e i volumi in modo elegante. È quanto proporranno un paio di mostre che apriranno i battenti questo pomeriggio a Carate e a Brugherio. In Villa Cusani Confalonieri verrà inaugurata alle 16 l’esposizione dal titolo “Tra segno e volume”, una personale del pittore e scultore monzese Pieralberto Filippi, artista con una carriera trentennale alle spalle, che vanta mostre in tutta Italia e all’estero, oltre alla partecipazione alla 54esima Biennale di Venezia nel padiglione allestito a Torino per il 150esimo dell’Unità d’Italia. Sarà un percorso nell’itinerario espressivo di Filippi, che negli anni è stato capace di spaziare e sperimentare con vari linguaggi. L’elemento ricorrente dei suoi dipinti e sculture è un lirismo legato all’armonia delle forme e delle linee, coniugato con leggerezza, dinamicità e ritmo. Tele centrate sui simboli si alternano a creazioni in marmo, morbidi bronzi e opere più imponenti in acciaio corten. A tenere a battesimo la mostra sarà un intervento del critico Alberto Moioli, direttore dell’Enciclopedia d’Arte Italiana. L’esposizione resterà aperta fino al 19, il venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.

Sempre oggi alle 16 aprirà a Brugherio, nella Galleria Esposizioni di Palazzo Ghirlanda Silva, la mostra “Alberto Casiraghy - Variazioni su carta”, dedicata a uno dei più eclettici artisti brianzoli, il pittore, poeta ed editore di Osnago, padre dei leggendari “Pulcini”, preziosi libriccini stampati con la tecnica a caratteri mobili. Una parte dell’esposizione permetterà di scoprire il Casiraghy aforista e tipografo, muovendosi tra i libretti d’arte che lo hanno reso celebre. Un’altra sezione sarà incentrata sul Casiraghy artista, con dipinti e opere a tecnica mista surreali e poetiche, realizzate appositamente per l’occasione, dove elementi della natura danno accesso a un universo magico. Visite fino al 26, dal martedì alla domenica dalle 15 alle 19. A Biassono, invece, da oggi e fino a domenica 12 nelle sale di Ca’ de Bossi si potranno ammirare le opere d’arte contemporanea della mostra “Autunno”, organizzata dal Gruppo Pittori Biassonesi: in esposizione una serie di creazioni ispirate alla stagione autunnale, ai suoi colori e alle sue atmosfere. Ingresso libero. Visite nel weekend dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30.