ALESSANDRO CRISAFULLI
Cronaca

Degrado e paura a Desio, la piazza è in mano alle baby gang: “I cittadini devono segnalare”

Alle spalle del municipio i commercianti scappano e le famiglie temono le passeggiate. Il vicesindaco si appella ai residenti: "Da sole le forze dell’ordine non ce la possono fare"

Piazza Don Giussani a Desio
Piazza Don Giussani a Desio

Schiamazzi, vandalismi, degrado, persino minacce ai negozianti. Baby gang scatenate in piazza Don Giussani a Desio. Proprio dietro il municipio. Nonostante l’estate – che spesso facilita questo genere di situazioni – sia ormai in archivio, qui il problema non accenna a diminuire. Con un livello di insofferenza e paura da parte di chi vive e lavora in zona che va crescendo, anche per l’episodio che qualche giorno fa ha visto una barista accerchiata da un gruppo di otto adolescenti e minacciata, prima dell’arrivo dei carabinieri.

Di recente è stata attivata anche una raccolta firme, che sta unendo commercianti e residenti, per chiedere maggiore sicurezza. E anche maggiore decoro, visto che i giovani sbandati lasciano spesso sporcizia e bottiglie di birra.

“Abitiamo qui dietro da parecchi anni e la situazione va peggiorando - racconta una famiglia -, un grande peccato perché è uno spazio così bello e centrale. Potrebbe essere pieno di negozi, attività, eventi. Invece è abbandonato a se stesso ed è un pericolo anche venirci con i bambini". Nel tempo molti dei negozi e delle attività sono scappati. Idem per gli eventi, sempre più sporadici. I lunghi porticati favoriscono la permanenza di malintenzionati e baby teppisti, tra scritte sui muri, vetri spaccati, sgasate in motorino.

"Il problema è duplice - dice il vicesindaco Andrea Villa - da un lato c’è il degrado urbano, che deriva da anni di mancata manutenzione, basta pensare alla grande fontana che è spenta perché crea delle forti infiltrazioni nel parcheggio di sotto. Stiamo pensando se sistemarla, con una spesa di alcune decine di migliaia di euro, o se utilizzare quello spazio in maniera diversa".

Poi, dall’altro c’è il fronte del degrado sociale, cioè dell’insicurezza: "Le forze dell’ordine sanno che devono presidiare con estrema cura, ma non è possibile farlo 24 ore su 24. I cittadini devono segnalare tempestivamente quando ci sono queste situazioni. Sappiamo che i gruppi di ragazzini scatenati ci sono, come in altri paesi, ma stiamo lavorando su vari fronti".

Anche cercando di aumentare le forze: "Nelle prossime settimane dovremmo aumentare le ore di presenza della polizia locale anche nelle ore serali e notturne grazie a un progetto presentato in risposta a un bando della Regione - annuncia Villa -. Due settimane fa è arrivato un nuovo agente e in questi giorni sta uscendo un ulteriore bando di mobilità per un altro agente ancora. Abbiamo cambiato l’illuminazione e quando possiamo organizziamo degli eventi come la recente festa siciliana, ma ripeto: è fondamentale chiamare carabinieri e vigili in caso di situazioni di pericolo e paura".