Daspo urbani di 48 ore per chi viola le regole

A Cesano Maderno nuove norme contro la "Malamovida" con Daspo di 48 ore per violazioni in aree specifiche. Incontro in Comune con polizia e esercenti per presentare le misure anti-disturbo estive. Regole riguardano consumo di alcol, orari di apertura e chiusura, e rispetto delle norme sulla musica. Aumentati servizi di polizia locale e istituiti pattugliamenti specifici. Nuovo Regolamento di Polizia Urbana prevede Daspo urbano in "aree a tutela maggiorata".

Daspo urbani di 48 ore per chi viola le regole

Daspo urbani di 48 ore per chi viola le regole

Anche Daspo di 48 ore in caso di violazioni in aree specifiche della città: a Cesano nuove norme contro la “Malamovida“. Verranno presentate oggi, in un incontro specifico che si terrà in Comune alla presenza di polizia locale e carabinieri e al quale sono stati invitati gli esercenti della città, le novità introdotte per contenere i fenomeni di disturbo che accompagnano tradizionalmente l’arrivo dell’estate. L’incontro segue di qualche giorno quello che si è svolto in Prefettura. "Ringrazio il Prefetto Palmisani - dichiara il sindaco di Cesano Maderno Gianpiero Bocca - per la sua attenzione e ascolto di noi sindaci: la firma del Protocollo è stata anche l’occasione per far presente da parte nostra alcune importanti richieste, come quella di garantire sempre più uomini e mezzi dello Stato nelle nostre città". All’incontro in Comune si discuterà della realizzazione di campagne di comunicazione rivolte ai cittadini, oltre che di temi che interessano il commercio.

Focus sulle regole antimovida come l’obbligo di utilizzo di contenitori per le bevande diversi dal vetro e il divieto di consumo di bevande alcoliche sulla pubblica via, oltre che sul rispetto degli orari di apertura e chiusura degli esercizi pubblici e delle norme, anche di buonsenso, riguardanti la diffusione di musica. Da parte sua il Comune ha incrementato i servizi di polizia locale, estesi nella fascia serale e notturna, grazie all’aumento dell’organico, che nell’ultimo anno e mezzo è passato da 14 a 23 operatori complessivi. Sono stati istituiti anche servizi di pattugliamento specifico della stazione ferroviaria. Il nuovo Regolamento di Polizia Urbana, approvato lo scorso febbraio, prevede anche "aree a tutela maggiorata" (davanti a scuole, chiese, monumenti e altri luoghi di particolare rilievo) dove, in caso di violazione accertata, scatta l’ordine di allontanamento per 48 ore (cosiddetto Daspo urbano).

Gabriele Bassani