Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
8 mag 2018

Carnate, agente massacrato in treno: "Ero svenuto e mi colpivano ancora"

Arrestati 2 richiedenti asilo. L'aggressione del branco domenica pomeriggio sulla Milano-Lecco

8 mag 2018
daniele de salvo
GERMOGLI PH: 28 MARZO 2017 FIRENZE POLIZIA FERROVIARIA POLFER CONTROLLI STAZIONE FERRIOVIA TRENI VAGONI PASSEGGERI
La fuga è finita a Calolziocorte
GERMOGLI PH: 28 MARZO 2017 FIRENZE POLIZIA FERROVIARIA POLFER CONTROLLI STAZIONE FERRIOVIA TRENI VAGONI PASSEGGERI
La fuga è finita a Calolziocorte

Carnate (Monza Brianza) 8 maggio 2018 -  « Tanto siamo  profugh i, non puoi farci nulla». Ridevano, lo prendevano in giro e lo sbeffeggiavano, certi della loro impunità, i dieci stranieri che domenica pomeriggio tra la stazione di Arcore e quella di Carnate hann o massacrato di botte su un treno della Milano – Lecco il sovrintendente della Polizia di Stato Mauro Guilizzoni, l’agente di 41 anni in forza alla squadra Volanti di Lecco, intervenuto nonostante fosse fuori servizio per aiutare un capotreno 30enne che voleva far pagare il biglietto a quei passeggeri che pretendevano di viaggiare gratis. Due di loro sono stati però arrestati.

Sono due richiedenti asilo nigeriani di 24 e 25 anni, ospiti in centri di accoglienza di Lodi e Monza, fermati alla stazione di Calolziocorte . Sono stati rintracciati grazie all’accurata descrizione riferita ai colleghi dal controllore e dal poliziotto. I due devono rispondere delle accuse di lesioni, ingiurie, tentata rapina perché hanno pure cercato di rubare il borsello al ferroviere e resistenza a pubblico ufficiale.

Quest'oggi compariranno davanti al giudice per l’interrogatorio e la convalida dell’arresto. Il poliziotto aggredito invece è ancora ricoverato all’Alessandro Manzoni, sta tutto sommato bene, il fisico robusto lo ha aiutato, ma ha rischiato parecchio. «Mentre alcuni tenevano fermo immobilizzato il capotreno, gli altri mi hanno circondato e picchiato con calci, manate, pugni – ha riferito a chi ha potuto incontrarlo nella sua stanza d’ospedale -. Hanno continuato a colpirmi anche quando sono crollato a terra svenuto . Prima che mi assalissero mentre cercavo di identificarli mi hanno quasi sfidato, sostenendo che tanto né io né altri avremmo potuto fare niente perché sono richiedenti asilo politico». Così non è stato, almeno per due del branco, che adesso si trovano in carcere a Pescarenico. Proseguono inoltre le indagini per rintracciare pure gli altri.

«Al capotreno e al poliziotto esprimo tutta la solidarietà mia e degli altri assessori – commenta l’assessore regionale ai Trasporti Claudia Maria Terzi -. È indispensabile rafforzare la collaborazione con gli operatori delle forze dell’ordine e con chi gestisce il servizio ferroviario». Secondo l’esponente del Pirellone però «se anche un rappresentante delle forze dell’ordine viene aggredito così brutalmente da soggetti che si sentono liberissimi di fare ciò che vogliono, questi sforzi potrebbero non bastare». Per questo si sta valutando pure che soldati dell’Esercito presidino i treni.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?