Ale.Cri.
Cronaca

Caos e paura alla stazione di Desio: “Voglio la coca”

Un uomo in evidente stato di alterazione dovuto alle droghe ha importunato alcuni presenti, alzando le mani e urlando. Riaccesi i riflettori sulla sicurezza in stazione, i carabinieri e la polizia hanno effettuato controlli straordinari. Pendolari costretti a stare in stato di allerta.

Carabinieri in azione

Carabinieri in azione

Un episodio che ha creato molta apprensione, tra i pendolari, quello avvenuto in settimana in stazione a Desio. Un ragazzo intorno ai 30-35 anni in evidente stato di alterazione dovuto alle droghe ha importunato alcuni presenti, alzando le mani e urlando anche nei confronti di un adolescente intorno ai 14 anni. "Voglio la cocaina, datemi la cocaina!", ha continuato a urlare, probabilmente in crisi di astinenza, spaventando le persone in stazione. "Urlava, era fuori di sé, poi ha anche raggiunto un ragazzino e ha iniziato a mettergli le mani addosso, chiedendo soldi o droga - racconta una testimone -, non gli ha fatto male ma il ragazzo era terrorizzato. Per fortuna è arrivato il treno poco dopo e sono salita, purtroppo in stazione non si può mai stare tranquilli: girano personaggi poco raccomandabili". L’episodio ha riacceso i riflettori sul tema della sicurezza in stazione, che negli anni scorsi è stato molto dibattuto in città. "Anche mia figlia è pendolare per andare a studiare a Milano - racconta un utente abituale - le ho dato lo spray al peperoncino, anche se credo che in certi casi di estrema emergenza, se ad esempio qualcuno vuole rapinare il portafoglio o il cellulare, è meglio consegnarlo ed evitare reazioni peggiori". Nei mesi scorsi i carabinieri e la polizia di Stato hanno effettuato diverse operazioni straordinarie di controllo proprio delle stazioni, compresa quella di Desio. Operazioni che ancora non sono riuscite a rasserenare gli animi dei pendolari, che sia nelle strutture che a bordo dei treni sono costretti sempre a stare in stato di massima allerta.