Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

L'invenzione brianzola: una cabina a secco contro i virus

Obiettivo: sanificare persone e oggetti all’ingresso di ambienti di lavoro, ospedali o uffici pubblici

di LUCA BALZAROTTI
I promotori di Kabi, la cabina che sanifica

Carate Brianza (Monza), 12 giugno 2020 - Per ora è un brand creato da tre piccole e medie imprese brianzole del settore metalmeccanico. Ma presto Kabi "diventerà una nuova società, la prima a realizzare cabine di sanificazioni a secco da installare all’ingresso di uffici pubblici, aziende, centri commerciali, aeroporti o ospedali" spiega Marco Sangiorgio, responsabile commerciale. Il primo modello è stato installato ieri e ripulirà da eventuali virus o batteri depositati su vestiti e oggetti chi entrerà negli uffici del comune di Carate Brianza (lunedì la presentazione). "L’idea è nata in quindici giorni, dopo la sanificazione delle nostre aziende: un’operazione non risolutiva – sottolinea Sangiorgio –. Kabi, invece, sanifica persone e oggetti attraverso l’atomizzazione ad ultrasuoni di una soluzione igienizzante che viene trasformata in una nebbia secca. Un sistema che non bagna e non rischia di compromettere il funzionamento di dispositivi tecnologici".

La cabina è in alluminio e acciaio verniciato e policarbonato, adattabile a seconda di spazi ed esigenze e personalizzabile: la versione base ha un ingombro di 1,5 x 1,5 x 2,4 metri e un passaggio interno di circa 1,05 metri, adatto anche a disabili su sedia a rotelle. All’interno è dotata di un rilevatore di presenza che autorizza l’ingresso attraverso un’ illuminazione semaforica a led e si disattiva automaticamente quando il ciclo di sanificazione è concluso. E due serbatoi da 20 litri di un composto di acqua a base di acido ipocloroso e ipoclorito di sodio, "circa 80 volte più efficace del singolo ipoclorito di sodio – spiegano i promotori che hanno presentato la domanda di brevetto d’uso –. La soluzione ha un pH neutro, non è tossica ed è ecologica. Con 40 litri siamo in grado di garantire circa 4.500 accessi: l’atomizzazione ad ultrasuoni trasforma la soluzione in una nebbia secca che satura l’ambiente e sanifica la persona all’interno prima di entrare in qualsiasi luogo pubblico o privato. Il tempo di stazionamento può essere regolato, quello minimo consigliato è di 8 secondi". Kabi può essere integrata anche con termoscanner per la misurazione della temperatura e tornelli per il controllo degli accessi. Il costo della cabina è di circa 9mila euro. L’alternativa è una colonna: stessa tecnologia ma più piccola (4.500 euro).

Loading