Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
9 feb 2022

Alberi pericolosi, colpa dell’uomo

È l’analisi di Coldiretti: oltre 700 interventi dei pompieri in un anno, ma non è solo responsabilità del vento

9 feb 2022
dario crippa
Cronaca
L’albero caduto. in viale Brianza ha distrutto parte della recinzione del Parco
L’albero caduto. in viale Brianza ha distrutto parte della recinzione del Parco
L’albero caduto. in viale Brianza ha distrutto parte della recinzione del Parco
L’albero caduto. in viale Brianza ha distrutto parte della recinzione del Parco
L’albero caduto. in viale Brianza ha distrutto parte della recinzione del Parco
L’albero caduto. in viale Brianza ha distrutto parte della recinzione del Parco

di Dario Crippa Le raffiche di vento hanno raggiunto la velocità di 90-100 chikometri orari. I vigiili del fuoco sono stati costretti a intervenire più di 80 volte per alberi divelti e caduti sulla strada o sulle auomobili in sosta, rami spezzati, tetti scoperchiati. Fino alla serata di lunedì, le squadre del Comando provinciale di Monza e Brianza hanno continuato a lavorare. E ieri mattina è arrivato anche un primo bilancio dei danni al sistema arboreo. A farlo, la Coldiretti. "Sono più di 700 in un anno le emergenze per alberi pericolosi in provincia di Monza e Brianza che hanno richiesto l’intervento dei pompieri". È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti di Milano, Lodi e Monza Brianza sul rapporto 2021 dei vigili del fuoco diffusa in occasione delle tempeste di vento che nelle scorse ore hanno investito diverse zone del territorio lombardo, mentre nelle campagne si fa la conta dei danni tra serre scoperchiate e danni alle strutture di stalle e cascine. La Lombardia - precisa la Coldiretti interprovinciale - è la prima regione per numero di interventi su alberature pericolanti in un anno, oltre 7mila. A livello provinciale i territori in cui si registrano più operazioni di questo tipo sono Milano (1.817), Varese (1.299) e appunto Monza Brianza (742). In tutta Italia - afferma la Coldiretti - "i vigili del fuoco in un anno sono entrati in azione per ben 54mila emergenze per piante non sicure nelle città. I cambiamenti climatici con il moltiplicarsi di eventi estremi la spiegazione - si abbattono su una condizione di manutenzione del verde pubblico che richiede grande attenzione". Le piante - evidenzia la Coldiretti - "cadono per la scelta di essenze sbagliate per il clima, il terreno o la posizione, ma anche per gli errori sulle dimensioni e sul rispetto delle distanze per un corretto sviluppo delle ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?